Gli utenti di Coinsuper a Hong Kong non possono ritirare i loro fondi in criptovalute

 

Gli utenti di Coinsuper a Hong Kong non possono ritirare i loro fondi in criptovalute

È stato rivelato oggi che un certo numero di utenti dello scambio di criptovalute Coinsuper con sede a Hong Kong non sono in grado di ritirare i loro fondi dalla piattaforma. Secondo i messaggi sul canale ufficiale Telegram di Coinsuper, questo è in corso da novembre. 


Il dilemma mette una luce negativa sugli scambi di criptovalute, che sono al centro dell'evoluzione della regolamentazione delle criptovalute di Hong Kong. Come parte della nuova regolamentazione, il governo di Hong Kong prevede di proporre un disegno di legge che renderà obbligatoria la licenza per gli scambi nella sessione legislativa 2021-2022.


La notizia è stata originariamente riportata da Bloomberg venerdì. Secondo l'articolo di Bloomberg, almeno sette persone hanno sporto denuncia alla polizia, e la polizia di Hong Kong sta indagando sul caso di una persona che ha acquistato criptovalute "tramite una società di investimento" e non è stata in grado di prelevare denaro da dicembre.


Sul canale Telegram, l'amministratore dello scambio ha smesso di rispondere ai messaggi.


Un trader che usa Coinsuper dal 2018 ha spiegato di aver perso l'accesso a 20.000 dollari di depositi. Lo stesso utente non ha più sentito l'amministratore dal 1 dicembre, e ha notificato la polizia per ulteriori azioni da intraprendere.


Coinsuper ha avuto 14 milioni di dollari di volume di scambio nelle ultime 24 ore. Questa è una piccola frazione del volume di 22 miliardi di dollari di Binance nelle 24 ore. Al suo picco, Coinsuper ha gestito 1,3 miliardi di dollari di volume giornaliero, che è enormemente diverso dai tassi attuali.


Uno dei venture capitalist che aveva sostenuto Coinsuper ha detto ai giornalisti di Bloomberg che hanno completamente cancellato il loro investimento di 1 milione di dollari nello scambio. Sei-otto mesi fa, il VC ha perso il contatto con il team di gestione dello scambio. Allo stesso tempo, il presidente e CEO Karen Chen ha smesso di rispondere su WeChat. Chen è l'ex presidente di UBS Cina.


Tra luglio e dicembre, diversi dipendenti hanno anche lasciato l'azienda, suggerendo che i problemi erano già venuti alla luce. Lo scambio, fondato nel 2017, è sostenuto da Pantera Capital, che elenca ancora Coinsuper come una società di portafoglio sul suo sito web.


fonte

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia