Il caso Djokovic, dalla reclusione in una stanza da interrogatori al Covid Hotel in isolamento

 

Il caso Djokovic, rinchiuso in una stanza. Sarà vaccinato con la forza?

Dettagli della denuncia di Djokovic: ecco come è stato molestato in aeroporto minuto per minuto!

Gli aggiornamenti saranno aggiunti in coda a questo artico.

Il dramma su Novak Djokovic non si placa ancora e il miglior tennista del mondo è in custodia all'aeroporto di Melbourne.

Novak Djokovic è attualmente in una stanza e nessuno può entrare per stare con lui, conferma il padre Srdjan.

Come riferito in precedenza: Novak Djokovic sconfigge l'obbligo vaccinale degli Australian Open , ma ormai si comincia a vociferare che il campione sia stato ingannato, così si sarebbe recato in Australia dove l'avrebbe atteso la cura genica sperimentale, il vaccino covid. 

Inizialmente le autorità lo avevano fermato con la scusa di un problema con il visto, come riportato qui:


Ora, senza usare mezzi termini, Novak Djokovic è stato catturato vie viene tenuto 'imprigionato' in uno stanzino della polizia aeroportuale di Melbourne.

Ufficialmente le autorità continuano a dire che stanno indagando le ragioni per cui al campione di tennis sia stata concessa l'esenzione medica al vaccino covid per la partecipazione al torneo visto che il campione non soffre di patologie note.

Cosa succederà se non saranno trovate valide ragioni mediche che giustifichino la sua mancata vaccinazione genica? Sarà vaccinato con la forza? Magari sarà costretto per riavere indietro la propria libertà?


Questo potrebbe diventare un chiaro messaggio per tutti: Non si scappa dalla dittatura!

Davanti alla stanza dove si trova il tennista numero uno al mondo ci sono due agenti di polizia. Trascorrerà la notte rinchiuso!


Goran Ivanišević, allenatore di Novak Đoković, si è espresso durante il dramma dell'ingresso in Australia dell'asso serbo: "Non il più usuale dei viaggi in Australia".

Sesta ora di tortura: Djokovic ha sempre meno occasioni

Il giornalista locale di "The Age", Paul Sakal, riferisce che Novak ha sempre meno possibilità di ottenere il "via libera" col passare del tempo, secondo le sue informazioni. Non ci sono ancora conferme e c'è grande incertezza.
Alle 5.30 del mattino, 6 ore dopo che Novak Djokovic è atterrato a Melbourne, è ancora interrogato dai funzionari della Border Force in una stanza dell'aeroporto. Stanno valutando i documenti per sostenere la sua esenzione dal vax. Una fonte ha detto che più a lungo va avanti, minore è la possibilità che gli sia permesso di entrare. - Paul Sakal

Annullato il visto di Djokovic, segue l'appello!

Il campione ora non vede l'ora di lasciare il continente. Non sappiamo cosa sia successo durante l'interrogatorio a porte chiuse, per il momento è esclusa una sua partecipazione al torneo, ma c'è tempo per appellarsi alle autorità.

In collaborazione con i suoi avvocati, presenterà ricorso contro la decisione di espulsione.

L'asso serbo è stato ordinato di lasciare il paese giovedì perché non ha fornito prove di un'esenzione medica.

Djokovic è in aeroporto da più di 10 ore. La reclusione è durata circa 5 ore.

"Deportazione. Non lo fanno entrare, in quell'orrore! Il nostro orgoglio, il nostro Novak, sta tornando", ha detto il padre, Srdjan Djokovic.

Aveva il visto richiesto, ma nessuna prova che potesse entrare nel Paese grazie a un'esenzione medica

Secondo i media locali, Novak ha ricevuto un visto, come tutti, a novembre, quindi la decisione di rifiutare di lasciarlo andare in Australia si basa esclusivamente sul fatto che l'asso serbo non è stato vaccinato.

Tali informazioni smentiscono la notizia che qualcuno del team di Novak abbia richiesto il visto sbagliato, ovvero che la richiesta sia stata mal compilata.

La domanda di Djokovic è stata presa in considerazione da persone della Tennis Association of Australia, nonché dal Ministero della Salute.

L'interrogatorio della polizia di frontiera è durato per ore e la decisione finale è stata: Novak è stata respinta .

Novak ha presentato ricorso contro la decisione della Polizia di frontiera e, fino alla decisione finale, sarà ospitato in un hotel di quarantena.

Tuttavia, allo stato delle cose, dopo la conferenza del premier Scott Morrison , l'asso serbo dovrà lasciare l'Australia il prima possibile.

"L'Australia ha i suoi confini e le sue regole, questo ha a che fare con l'applicazione di quelle regole. Non entrerò nella storia medica di Novak, dirò solo che le prove presentate non erano sufficienti. Il primo passo è che il suo visto è stato revocato e ora deve partire il prima possibile da qualche parte dove è possibile andare. Non è possibile rimanere nel paese ed essere in quarantena. Per questo dovrebbe avere la stessa esenzione medica e non ce l'ha. La Tennis Association gli ha dato il permesso di giocare e va bene. Ma "Abbiamo stabilito le regole per entrare nel paese. E se questi requisiti non sono soddisfatti, allora non c'è l'ingresso in Australia ", ha detto Morrison.


Novak Djokovic resterà in Australia fino a lunedì, dopo che è stato confermato che il suo appello sarà preso in considerazione nel fine settimana.

Djokovic e un team di avvocati hanno intentato una causa contro la decisione di vietargli l'ingresso in Australia, e il giudice Anthony Kelly non ha ancora ricevuto tutta la documentazione necessaria e, secondo i media australiani, il verdetto finale è previsto per lunedì. 

Novak ha chiesto al suo Stato di fare pressioni all'Australia per fargli scontare la quarantena nella casa che aveva preso in affitto e non nello squallido Hotel per quarantene Covid. Al momento non ci sono novità.

Nel frattempo in Serbia i tifosi cercano di supportare il loro campione:



Il supporto arriva anche dai serbi in Australia e anche dagli australiani stessi:


Suo fratello Djordje Djokovic ha rivelato ai giornalisti l'SMS che ha ricevuto da Novak nei momenti difficili, quando ha potuto usare il telefono.

"Dio vede tutto, l'etica morale come i più grandi ideali sono l'elevazione dello spirito. La mia grazia è spirituale e il loro attaccamento è materiale".

 

Il "Daily Mail" britannico ha pubblicato i dettagli della lettera inviata dal Ministro federale della sanità australiano alla Tennis Association e agli organizzatori degli Australian Open.


L'e-mail afferma che se il tennista ha avuto il virus corona, non è sufficiente per un'esenzione medica.

Gli inglesi affermano che questo è il problema principale per cui Djokovic non è potuto entrare in Australia.

Il ministro Greg Hunt ha inviato un'e-mail a novembre al direttore esecutivo dell'Australian Open Craig Tayley e lo ha avvertito di questo dettaglio.

"L'Australian Border Guard consiglia alle persone di essere completamente vaccinate, come raccomandato dall'ATAGI (National Vaccine Authority) in modo che possano entrare nel Paese liberamente e senza quarantena. Per quanto riguarda la tua domanda specifica, posso confermare che le persone che hanno avuto una corona in "Negli ultimi sei mesi, vogliono venire in Australia da altri continenti, ma non hanno ricevuto due dosi di vaccino approvate nel nostro Paese, non saranno considerati completamente vaccinati", ha avvertito Hunt Tajlija due mesi fa.

L'Australian Open ha così avuto il tempo di mettere in guardia Djokovic e altri giocatori di tennis che avrebbero chiesto l'esenzione medica.

Craig Tyley non l'ha fatto ed è lui il diretto colpevole di tutto quello che sta succedendo a Djokovic ora, secondo il "Daily Mail".

Djokovic sui social per la prima volta dopo gli abusi

Con un post su instagram dimostra ancora una volta di essere un vero campione:
"Pace di Dio. Cristo è nato. Buon Natale. Possa l'amore rafforzarti e soddisfarti"


Non si lascia scalfire dalla corruzione e criminalità Australiana, ma ringrazia: 

"Grazie alle persone di tutto il mondo per il vostro continuo supporto. Posso sentirlo ed è molto apprezzato".

 


Tentativo di salvataggio di Novak Djokovic mentre i manifestanti si arrampicano sul centro di detenzione a Melbourne


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia