'Psicosi da formazione di massa' usata dai governi come strumento di controllo della popolazione

 

'Psicosi da formazione di massa' usata dai governi come strumento di controllo della popolazione

Di Paul Joseph Watson

Le affermazioni del Dr. Robert Malone sulla "psicosi da formazione di massa" nel contesto della pandemia COVID-19 sono sottolineate dal fatto che le autorità del Regno Unito hanno ammesso di usare metodi "totalitari" di "controllo mentale" per instillare la paura nella popolazione.


In Canada, i militari hanno anche ammesso di aver lanciato una campagna di operazioni psicologiche contro la loro stessa gente per manipolarla e farla aderire alle restrizioni e agli obblighi del COVID-19.


Durante il suo podcast virale con Joe Rogan, dopo essere stato bandito da Twitter, Malone ha spiegato come la popolazione mondiale sia stata manipolata per rimanere in un costante stato di ansia isterica attraverso la psicosi da formazione di massa.


"Che diavolo è successo alla Germania negli anni '20 e '30? Una popolazione molto intelligente, molto istruita, e sono diventati matti da legare. E come è successo?" chiese Malone.


"La risposta è la psicosi da formazione di massa".


"Quando hai una società che è diventata disaccoppiata l'una dall'altra e ha un'ansia fluttuante nel senso che le cose non hanno senso, non possiamo capirlo, e poi la loro attenzione viene focalizzata da un leader o una serie di eventi su un piccolo punto proprio come l'ipnosi, diventano letteralmente ipnotizzati e possono essere condotti ovunque", ha aggiunto.

Su Joe Rogan, il dottor Robert Malone suggerisce che stiamo vivendo una psicosi da formazione di massa.

Spiega come e perché questo potrebbe accadere, e i suoi effetti. 

Fa un'analogia con la Germania degli anni '20 e '30: "Avevano una popolazione molto intelligente e molto istruita, e sono impazziti".


"E uno degli aspetti di questo fenomeno è che le persone che identificano come loro leader, quelle che tipicamente arrivano e dicono: tu hai questo dolore e io posso risolverlo per te. Io e solo io", ha spiegato ancora Malone, "Allora seguiranno quella persona. Non importa se gli hanno mentito o altro. I dati sono irrilevanti".


"Avevamo tutte queste condizioni. Se vi ricordate prima del 2019 tutti si lamentavano, il mondo non ha senso e siamo tutti isolati gli uni dagli altri".


"Poi è successa questa cosa e tutti si sono concentrati su di essa", ha dichiarato Malone, notando: "È così che avviene la psicosi da formazione di massa ed è quello che è successo qui".


Il riassunto di Malone di come le autorità sanitarie si sono impossessate della minaccia unificante della pandemia COVID-19 e ne hanno esagerato il filo per creare un'isteria di massa è supportato da dettagli trapelati su come il governo britannico ha manipolato la sua popolazione durante i primi giorni della pandemia.


Come rivelato per la prima volta dall'autrice e giornalista Laura Dodsworth, gli scienziati del Regno Unito che lavoravano come consulenti per il governo hanno ammesso di aver usato quelli che ora ammettono essere metodi "non etici" e "totalitari" per instillare la paura nella popolazione al fine di controllare il comportamento durante la pandemia.


"L'uso della paura per controllare il comportamento nella pandemia di Covid era 'totalitario', ammettono gli scienziati"

Da 'Uno Stato Di Paura: come il governo britannico ha alimentato la paura durante la pandemia di Covid-19'.


Il London Telegraph ha riportato i commenti fatti dai membri dello Scientific Pandemic Influenza Group on Behaviour (SPI-B), un sottocomitato dello Scientific Advisory Group for Emergencies (Sage) il principale gruppo di consulenza scientifica del governo.


Il rapporto cita un briefing del marzo 2020, quando fu decretato il primo blocco, che affermava che il governo dovrebbe aumentare drasticamente "il livello percepito di minaccia personale" che il virus pone perché "un numero sostanziale di persone non si sente ancora sufficientemente minacciato personalmente".


Uno scienziato dello SPI-B ammette che "A marzo [2020] il governo era molto preoccupato per la conformità e pensava che la gente non avrebbe voluto essere rinchiusa. Ci sono state discussioni sul fatto che la paura fosse necessaria per incoraggiare la conformità, e sono state prese decisioni su come aumentare la paura".


Lo scienziato senza nome aggiunge che "Il modo in cui abbiamo usato la paura è distopico".


Lo scienziato ha inoltre confessato che "L'uso della paura è stato sicuramente eticamente discutibile. È stato come uno strano esperimento. Alla fine, si è ritorto contro di noi perché la gente è diventata troppo spaventata".


Un altro scienziato separato nel sottocomitato ha professato "Si potrebbe chiamare la psicologia 'controllo mentale'. Questo è quello che facciamo... chiaramente cerchiamo di farlo in modo positivo, ma è stato usato in modo nefasto in passato".


Un altro scienziato ha avvertito che "dobbiamo stare molto attenti all'autoritarismo che si sta insinuando", aggiungendo "la gente usa la pandemia per prendere il potere e far passare cose che altrimenti non accadrebbero". 

Chiaramente, usare la paura come mezzo di controllo non è etico. Usare la paura sa di totalitarismo. Non è una posizione etica per nessun governo moderno.


Secondo il rapporto, un altro ricercatore del gruppo ha riconosciuto che "Senza un vaccino, la psicologia è la tua arma principale", aggiungendo che "la psicologia ha avuto un'epidemia davvero buona, in realtà".


Un altro scienziato della sottocommissione ha dichiarato di essere stato "sbalordito dall'armamento della psicologia comportamentale" nell'ultimo anno, e ha avvertito che "gli psicologi non sembrano essersi accorti quando ha smesso di essere altruista ed è diventata manipolativa".


"Hanno troppo potere e questo li intossica", ha avvertito ancora lo scienziato.


Oltre alla risposta del governo britannico, è stato anche rivelato che l'esercito canadese ha lanciato un programma di operazioni psicologiche contro i propri cittadini nei primi giorni della pandemia per amplificare la messaggistica del governo e "prevenire la disobbedienza civile". 

La psicosi di massa è un mito allo stesso modo in cui l'esercito che conduce campagne di propaganda clandestina contro i suoi cittadini è salute pubblica.


"I capi militari canadesi videro la pandemia come un'opportunità unica per testare le tecniche di propaganda su un pubblico ignaro", ha riportato l'Ottawa Citizen.


Nel frattempo, dopo i primi sforzi per seppellire completamente il termine, Google sta ora disperatamente truccando i suoi risultati di ricerca per restituire solo articoli negativi sulla "psicosi da formazione di massa" e sul dottor Malone.


L'attuale link del primo risultato di ricerca di Google per "psicosi da formazione di massa" è un articolo di Forbes che ricicla affermazioni dubbie che il Dr. Malone ha già sfatato durante la sua apparizione a Rogan. 

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia