Trovato un nuovo legame tra cellule falciformi e malaria grave

 

Trovato un nuovo legame tra cellule falciformi e malaria grave

I parassiti della malaria possono essersi adattati in modo da poter causare la malaria grave nelle persone con malattia falciforme, suggerisce uno studio.


La falcemia, un gruppo di condizioni che possono causare globuli rossi a forma di falce, è diventata comune in Africa perché i geni responsabili della malattia possono aiutare a prevenire la malaria durante la prima infanzia, secondo l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS).


Tuttavia, uno studio pubblicato nell'edizione di dicembre di Nature, ha scoperto che i cambiamenti specifici in tre regioni del genoma dei parassiti della malaria potrebbero essere responsabili delle infezioni da malaria nelle persone con malattia falciforme.


"I parassiti [della malaria] che causano la malattia nelle persone che portano l'emoglobina falciforme sono quasi sempre i tipi specifici di parassiti", spiega Gavin Band, autore principale dello studio e statistico presso il Wellcome Center for Human Genetics, Università di Oxford.


"Hanno questi alleli specifici [due o più forme di geni] in queste tre regioni del genoma del parassita. Questa è una scoperta eccitante non conosciuta prima".


I ricercatori hanno cercato varianti genetiche in oltre 3.000 bambini del Gambia e del Kenya che avevano sviluppato una grave malaria.


I loro risultati suggeriscono che i parassiti mortali della malaria sembrano essersi evoluti per essere in grado di attaccare le persone con emoglobina normale ed emoglobina falciforme, con il potenziale di causare gravi malattie in quelli normalmente pensati come improbabili a sopportare il peso della malaria in Africa sub-sahariana.


"I parassiti hanno grandi genomi", dice Band. "Si evolvono su scale temporali molto più veloci degli esseri umani e sappiamo in realtà che possono evolvere molto rapidamente in risposta alle pressioni di selezione che abbiamo visto con la risposta agli antimalarici in passato".


I risultati sono un passo verso lo sviluppo di trattamenti per il problema, ma c'è ancora molto lavoro da fare.


"Sarebbe bello se, in futuro, questo potesse portare a qualcosa per le persone con la falcemia, ma non è dove siamo ora", dice Band a SciDev.Net. "Il prossimo passo sarebbe che abbiamo bisogno di studi funzionali per scoprire cosa fanno queste varianti".


Wellington Oyibo, professore di parassitologia medica all'Università di Lagos in Nigeria, elogia i ricercatori per aver identificato un'associazione tra la malaria grave nelle persone con malattia falciforme e diverse regioni del genoma dei parassiti della malaria.


"La convinzione che i pazienti con malattia falciforme ... sono protetti dalla malaria non è completamente vera", dice.


"Abbiamo gruppi vulnerabili descritti come bambini sotto i cinque anni, donne incinte e bambini. Ora fondamentalmente vogliamo segnalare che i pazienti affetti da falcemia potrebbero ancora avere la malaria e richiedere una cura speciale e una protezione speciale, compresa la diagnosi precoce e la prevenzione domestica", aggiunge Oyibo.


*Ijeoma Ukazu è una giornalista nigeriana e si è laureata all'Istituto di gestione e tecnologia (IMT) dello Stato di Enugu, in Nigeria, con credito superiore in comunicazione di massa e ha anche un diploma post laurea (PGD) in giornalismo presso l'Università nazionale aperta della Nigeria. Corrisponde per l'edizione inglese dell'Africa subsahariana di SciDev.Net.


Questo pezzo è stato prodotto dalla redazione inglese dell'Africa subsahariana di SciDev.Net.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia