10 incredibili regni sommersi: i compagni sotto le onde di Atlantide

Rovine immaginarie di un regno sommerso
Rovine immaginarie di un regno sommerso

Alcune delle più interessanti scoperte e misteri archeologici sono quelle che coinvolgono le antiche rovine di regni perduti sotto le onde. C'è qualcosa nel mondo sottomarino che cattura la nostra immaginazione - forse è la curiosità e l'intrigo su ciò che può trovarsi sotto la superficie, o l'idea che intere città possano essere nascoste sul fondo dell'oceano, fuori dalla vista e fuori dalla portata. A volte gli archeologi marini hanno la fortuna di fare incredibili scoperte, ma molti dei regni sommersi in questo articolo rimangono nascosti; sono terre leggendarie avvolte in antichi miti.

Tempio della riva. Mahabalipuram, India
Tempio della riva. Mahabalipuram, India

Mahabalipuram è un'antica città situata nel distretto di Kancheepuram, nello stato meridionale indiano del Tamil Nadu. Le "Sette pagode di Mahabalipuram" furono una delle realizzazioni architettoniche della dinastia Pallava (III - IX secolo d.C.).

I miti dicono che la bellezza di Mahabalipuram ha suscitato la gelosia di Indra, il deva della pioggia e delle tempeste, così la divinità ha sommerso la città sotto il mare durante una grande tempesta. Solo il Tempio della riva, ancora visibile oggi, è stato lasciato al di sopra dell'acqua come prova che una volta questa bella città era esistita.

Le prove per i templi sommersi sono emerse a seguito del devastante tsunami del 26 dicembre 2004. Durante lo tsunami, è stato riferito che "una lunga fila dritta di grandi rocce emerge (d) dall'acqua appena prima che le acque tornassero di nuovo indietro". La forza dello tsunami è riuscita ad esporre alcuni oggetti che sono stati coperti da secoli di limo.

Questi oggetti includono un grande leone di pietra rinvenuto sulla spiaggia di Mahabalipuram, oltre a un rilievo di roccia parzialmente completato di un elefante. Le recenti scoperte hanno suscitato un rinnovato interesse nella leggenda di Mahabalipuram e molti dicono che il mito dei sette templi sommersi potrebbe un giorno essere considerato un vero evento storico.

La raffigurazione dell'artista di Lyonesse viene spazzata via
La raffigurazione dell'artista di Lyonesse viene spazzata via

Nella leggenda arturiana, Lyonesse è la patria di Tristan, dalla leggendaria storia di Tristano e Isotta. Si chiama ora "Terra perduta di Lyonesse", come si dice che sia affondata in mare.

Prima del suo affondamento, Lyonesse sarebbe stata abbastanza grande, contenendo 140 villaggi e chiese. Si dice che sia scomparso l'11 novembre 1099 (anche se alcuni racconti usano l'anno 1089 e alcuni risalgono al VI secolo). Improvvisamente la terra fu inondata dal mare, interi villaggi furono inghiottiti e la gente e gli animali annegarono. Una volta coperto d'acqua, la terra non è mai riemersa.

Mentre i racconti arturiani sono leggendari, c'è una certa convinzione che Lyonesse fosse una volta un posto molto reale collegato alle Scilly Isles in Cornovaglia, in Inghilterra. Le prove dimostrano che i livelli del mare erano considerevolmente più bassi nel passato, quindi è possibile che un'area che una volta conteneva un insediamento umano fuori terra sia ora sotto il livello del mare. Infatti, i pescatori vicino alle Scilly Isles raccontano storie di recupero di pezzi di edifici e altre strutture dalle loro reti da pesca. Queste storie non sono mai state provate, e sono viste da alcuni come racconti alti.

Cantre'r Gwaelod, o The Lowland Hundred: i ceppi sono i resti di un'antica foresta sommersa che si estende lungo la costa. È un regno sommerso da tempo perduto?

Durante il sesto secolo, un regno leggendario conosciuto come Cantre'r Gwaelod (che significa 'La pianura Cento') sarebbe stato governato da un re di nome Gwyddno Garanhir. Fino al 17 ° secolo, il Cantre'r Gwaelod era conosciuto come Maes Gwyddno (che significa 'Gwyddno's Land'), così chiamato in onore di questo sovrano gallese. Una versione precedente della leggenda associata a Maes Gwyddno afferma che la terra fu sommersa dall'acqua quando Mererid, una sacerdotessa di un pozzo fatato, permise all'acqua di traboccare, affondando il regno per sempre.

Alcuni decenni fa, l'emergere di foreste preistoriche durante la tempesta a Cardigan Bay, nell'ovest del Galles, ha portato alla suggestione che potrebbe essere la sede del leggendario Cantre'r Gwaelod.

In effetti, le indagini hanno rivelato una passerella di vimini con post associati, impronte umane e animali fossilizzate, nonché alcuni strumenti umani. Si ritiene che la posizione dell'antico regno si trovi tra l'isola di Ramsey e l'isola di Bardsey a Cardigan Bay e che si estenda per circa 32 km (19,88 miglia) a ovest dell'attuale litorale nella baia.

Rappresentazione dell'artista di un tempio azteco in una terra misteriosa. Aztlan è la leggendaria patria degli Aztechi.

Aztlan è la leggendaria patria degli Aztechi prima della loro migrazione nella Valle del Messico. Alcuni credono che sia una terra mitica che vivrà attraverso la leggenda ma non sarà mai trovata nell'esistenza fisica.

Altri dicono che è un vero luogo fisico che un giorno verrà identificato. Le ricerche per la terra di Aztlan si estendevano dal Messico occidentale fino ai deserti dello Utah. Tuttavia, queste ricerche sono state infruttuose, poiché la posizione - e l'esistenza - di Aztlan rimane un mistero.

La parola Aztlan significa "la terra a nord; la terra da cui provenivano noi aztechi. "In alcuni racconti, Aztlan è vista come una terra di paradiso, in particolare un'isola su un lago, per tutti gli abitanti. Tuttavia, gli Aztechi fuggirono dall'isola quando un'élite tirannica prese piede. La loro migrazione da Aztlan a Tenochtitlán iniziò il 24 maggio 1064, che fu il primo anno solare azteco.

Una stele Heracleion incredibilmente ben conservata di 1,9 metri commissionata da Nectanebo I nel 378 - 362 aC, completa di iscrizioni dettagliate e chiaramente leggibili
Una stele Heracleion incredibilmente ben conservata di 1,9 metri commissionata da Nectanebo I nel 378 - 362 aC, completa di iscrizioni dettagliate e chiaramente leggibili

La città di Heracleion, sede del tempio dove Cleopatra fu inaugurata, si tuffò nel Mar Mediterraneo al largo della costa egiziana circa 1.200 anni fa. Era uno dei centri commerciali più importanti del Mediterraneo prima che affondasse più di un millennio fa.

Per secoli, la città fu ritenuta una terra leggendaria legata al mitico eroe Heracles e Helen e Paris, amanti della guerra di Troia. Ma nel 2001 un archeologo sottomarino alla ricerca di navi da guerra francesi inciampò nella città sommersa.

Dopo aver rimosso strati di sabbia e fango, i sub hanno scoperto la città straordinariamente ben conservata con molti dei suoi tesori ancora intatti; tra cui il tempio principale di Amon-Gerb, gigantesche statue di faraoni, centinaia di statue minori di dei e dee, una sfinge, 64 antiche navi, 700 ancore, blocchi di pietra con iscrizioni egizie greche e antiche, dozzine di sarcofagi, monete d'oro, e pesi fatti di bronzo e pietra. È stata una delle scoperte subacquee più significative in oltre un decennio.

Un subacqueo esplora il sito archeologico subacqueo di Baiae
Un subacqueo esplora il sito archeologico subacqueo di Baiae

La città sommersa dei Cesari, Baia, fu persa per oltre 17 secoli sotto le acque blu della costa occidentale italiana. È stato riscoperto solo negli ultimi anni.

Baia era la Las Vegas di Roma del primo secolo, quando la città divenne sinonimo di lusso e feste sfrenate che includevano molto vino ed edonismo di altissimo livello. Nel suo periodo di massimo splendore, Baiae fu regolarmente visitata da famosi Cesari romani tra cui Giulio Cesare, Nerone e Adriano - che morì lì. Questo potrebbe spiegare perché Baiae è chiamata "The Sunken City of the Caesars".

E 'stata considerata una delle città romane più importanti per secoli. Plinio viveva qui e da qui, attraverso il golfo, ha assistito e descritto l'eruzione del 79 d.C. del Vesuvio che distrusse Pompei ed Ercolano.

Inevitabilmente, gran parte della città è stata persa in mare, poiché l'attività vulcanica ha anche causato la ritirata della costa a 400 metri (1312,34 piedi) nell'entroterra, costringendolo sott'acqua in quello che ora è il Golfo di Napoli.

Le basi originali della città sotto i pilastri ricostruiti e le pareti di uno degli edifici.
Le basi originali della città sotto i pilastri ricostruiti e le pareti di uno degli edifici.

Pavlopetri è un piccolo villaggio nella regione del Peloponneso, nel sud della Grecia, in cui un'antica città risalente a 5.000 anni fa circa quattro metri sott'acqua. Si ritiene che sia la più antica città sommersa conosciuta al mondo.

La città è incredibilmente ben progettata con una piazza centrale, strade, case a due piani con giardini, templi, un cimitero e un complesso sistema di gestione dell'acqua che include canali e condutture idriche. Il design supera molte città moderne.

La città è così antica che esisteva nel periodo in cui fu ambientato il famoso poema epico greco "Iliade". Le ricerche del 2009 rivelarono che era stata abitata prima del 2800 aC. Gli scienziati stimano che la città sia affondata intorno al 1000 aC a causa dei terremoti che hanno spostato la terra.

Gli storici credono che l'antica città fosse un centro minoico e micenio per il commercio. Sparse dappertutto ci sono grandi contenitori di immagazzinaggio fatti da argilla, statue, attrezzi quotidiani e altri manufatti. Il nome della città è ancora sconosciuto.

Scavi nel sito di Helike. In questo caso, un edificio di epoca ellenistica; forse usato come un colorante.
Scavi nel sito di Helike. In questo caso, un edificio di epoca ellenistica; forse usato come un colorante.

La leggendaria antica città di Helike era situata nell'Acaea nella parte nord-occidentale della penisola del Peloponneso. Durante il suo periodo di massimo splendore, fu il capo della prima lega acheo, una confederazione che consisteva in 12 città nell'area circostante.

A causa di questa posizione, Helike era un importante centro economico, culturale e religioso. Il dio protettore di Helike era Poseidone, il dio greco del mare e dei terremoti. Ciò non sorprende, data la posizione di Helike in una delle zone di terremoto più attive in Europa.

Una notte durante l'inverno del 373 aC, la città di Helike fu cancellata. Alcuni segni del destino imminente della città sono stati registrati, tra cui l'apparizione di "immense colonne di fiamme" e la migrazione di massa di piccoli animali dalla costa alle montagne diversi giorni prima del disastro.

Un grave terremoto, seguito da un grande tsunami dal Golfo di Corinto, distrusse la città. La squadra di soccorso che venne la mattina seguente non trovò sopravvissuti. Non è stato fino al 2001 che le rovine sono state finalmente dissotterrate e solo nel 2012, quando è stato scoperto lo strato di distruzione, il sito è stato confermato come Helike.

Deriv; Una terra annegata.
Deriv; Una terra annegata.

Gli indiani Hopi rappresentano il più antico gruppo nativo americano negli Stati Uniti attuali. Dicono che non sono venuti in Nord America attraverso lo stretto di Bering, ma a nord del Sud America, in particolare da una terra chiamata Kásskara.

Si dice che Kásskara fosse un continente che affondò nell'Oceano Pacifico all'incirca nello stesso periodo in cui Atlantide cadde. Le Hawaii sono un residuo della madrepatria degli antenati degli Hopi, e Rapa Nui (l'isola di Pasqua) è l'ultimo rimasto di numerose isole che hanno aiutato i rifugiati di Kásskaran ad attraversare la vasta distesa dell'oceano fino al Sud America.

Le leggende dicono che la terra perduta in un primo momento era quasi un paradiso e la gente viveva bene, mangiava bene e lavorava abbastanza ma non troppo. Le persone avevano un'alta morale e vivevano pacificamente per qualche tempo. Ma quando gli uomini iniziarono a perdere il rispetto reciproco e combatterono con gli Atlantidei, entrambi i continenti incontrarono la loro fine.

Il popolo mesolitico di Doggerland
Il popolo mesolitico di Doggerland

Doggerland, a volte chiamato l'Atlantide della Stone Age della Gran Bretagna o un Giardino dell'Eden preistorico, si pensa che sia stato abitato per la prima volta intorno al 10.000 aC. Situato nel Mare del Nord, si ritiene che Doggerland abbia una volta misurato circa 100.000 miglia quadrate (258.998 chilometri quadrati).

Tuttavia, la fine dell'era glaciale ha visto un grande aumento del livello del mare e un aumento delle tempeste e delle inondazioni nella regione, provocando un progressivo restringimento di Doggerland. Gli esseri umani preistorici che vivevano nella regione persero le loro case quando alluvioni catastrofiche coprirono il territorio tra l'8000 e il 6000 aC.

La posizione è nota per la fornitura di ossa animali preistoriche e, in misura minore, resti umani e artefatti. I ricercatori hanno mappato i fondali marini per tenere traccia di come i cambiamenti climatici abbiano avuto un impatto su Doggerland e la successione di cataclismi che l'hanno trasformata in una terra sommersa.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia