Bovini in Spagna Torturati ed Uccisi Crudelmente

 

Vitelli in Spagna Torturati ed Uccisi Crudelmente

Macellazione di 1.800 vitelli su una nave attraccata in Spagna scatena le critiche in Europa

È la seconda volta in meno di un mese che una nave da carico respinta dalla Turchia attracca a Cartagena con animali in condizioni terribili. Il ministero dell'agricoltura non ha permesso alla deputata Anja Hazekamp di entrare nel porto per assistere alla corretta esecuzione del bestiame


Vitelli "morti e sovraffollati", "incapaci di sdraiarsi", che vivono tutti insieme all'interno di una barca sporca e arrugginita di 60 anni, molto vicini gli uni agli altri, circondati da un accumulo fetido e tossico di "feci e urina". Vitelli che hanno viaggiato per la vendita a bordo di una barca per più di due mesi, stipati nei suoi confini, con gli arti rotti, assetati, morenti, muovendosi a fatica "tra i cadaveri" di coloro che non hanno potuto sopportare le condizioni del viaggio, che non hanno potuto evitare la morte. Queste parole devastanti corrispondono al rapporto veterinario preparato dal Ministero dell'Agricoltura della Spagna sullo stato di quasi 1.800 vitelli che hanno viaggiato verso la Turchia a bordo della nave Elbeik, recentemente attraccata al porto di Cartagena, nel sud-est della Spagna.



Lo scorso dicembre, la Elbeik è partita da Tarragona verso la Turchia per la vendita in massa del bestiame trasportato all'interno. Quasi nello stesso momento, e con lo stesso compito, un'altra nave di minore capacità, la Karim Allah, è partita anch'essa per la Turchia, ma da Cartagena.


Anche se i viaggi delle due navi hanno avuto punti di partenza diversi, la destinazione e la conclusione dei due viaggi hanno finito per essere identiche: dopo che la vendita del bestiame è stata rifiutata dalla Turchia e dalla Siria, a causa del sospetto della malattia della lingua blu, che è un virus non contagioso che colpisce i ruminanti domestici e selvatici, la Karim Allah e la Elbeik hanno navigato per più di un mese e mezzo fino alla Spagna per attraccare finalmente a Cartagena. Una volta nel porto, le autorità della Salute Animale hanno ordinato la macellazione dei 900 bovini della Karim Allah il 6 marzo, e delle quasi duemila mucche della Elbeik il 26 marzo "perché non idonee ad essere trasportate di nuovo". C'è però una piccola differenza: il rapporto del Ministero dell'Agricoltura sullo stato degli animali sull'Elbeik è devastante.


Gli ispettori veterinari incaricati di redigere il rapporto hanno aggiunto che "in almeno tre recinti ci sono animali morti e semisepolti nel letame dei loro simili". I vitelli, concludono gli ispettori, "mostrano segni di aver sofferto un viaggio prolungato in cattive condizioni, con evidente perdita di peso che in casi estremi raggiunge la cachessia (malnutrizione estrema), così come problemi di vista, e problemi dermatologici e motori". Molti degli abbeveratoi automatici non funzionano e i sistemi di conduzione presentano perdite e rotture. Per questo motivo, gli esperti hanno anche rilevato che gli animali avevano sete, il che ha anche causato "lotte e combattimenti".


La durezza del rapporto ha scatenato polemiche non solo con gli animalisti spagnoli, ma anche con i deputati europei. La deputata Anja Hazekamp, vicepresidente della commissione d'inchiesta sulla protezione degli animali durante il trasporto, già allarmata dopo l'incidente della Karim Allah, ha deciso di andare a Cartagena per assistere alla corretta macellazione del bestiame come rappresentante della commissione. Ma non è stato così, dice con tono indignato a elDiario.es dall'alto di un belvedere vicino, mentre contempla la baia di Escombreras, con l'Elbeik sullo sfondo. "C'è una grande mancanza di trasparenza. Quello che è successo durante la mia visita in Spagna è una vergogna. Il capitano della nave mi ha offerto la possibilità di salire a bordo, ma il ministero mi ha impedito di accedere al porto per vedere come si svolge il massacro", dice Hazekamp. Ha passato anni a investigare e denunciare il trasporto di animali vivi attraverso l'Europa.



La deputata chiede il divieto del trasporto di bestiame vivo perché dice che "il loro benessere non può essere garantito" una volta che lasciano il porto d'origine. Il rapporto Animal Health, nonostante la sua durezza, le sembra illuminante. "In generale, le condizioni di trasporto di questi animali causano tutto ciò che il rapporto ha identificato. È impossibile mantenere il loro benessere su una barca per tre mesi. La cosa sorprendente è che ci sono ancora animali vivi lì dentro, perché è una piattaforma che si muove nell'acqua durante la navigazione. Una persona può reggersi, ma le mucche devono mantenere l'equilibrio, e se cadono a terra è normale che si rompano le gambe e si facciano male. È incredibile che non siano morti altri animali", dice. Gli esperti hanno confermato la morte di 179 vitelli sui 1.800 partiti da Tarragona.

Per Anja Hazekamp è paradossale che il rapporto veterinario della Elbeik abbia mostrato esplicitamente, quasi graficamente, l'estrema difficoltà di garantire il benessere degli animali durante viaggi così lunghi, le loro pessime condizioni di vita all'interno della nave, eppure continui a mandare navi per la stessa missione. Ora, mentre racconta la disparità di azioni, la crudele evidenza dello studio e la continuazione di pratiche abusive per gli animali, osserva il porto e guarda in lontananza diverse navi simili cariche di bestiame che non sono ancora partite, ma che "stanno aspettando l'autorizzazione" che dia loro il via libera per salpare.


Silvia Barquero, della ONG Igualdad Animal, che ha accompagnato la deputata nella sua visita a Cartagena, ritiene che "la visita di Anja in Spagna è molto importante per documentare quello che sta succedendo perché preparerà un rapporto per la commissione d'inchiesta del Parlamento europeo". Barquero sottolinea un'altra sezione chiave del rapporto: "La Elbeik ha più di 60 anni e non è preparata né in grado di offrire le condizioni per un viaggio sicuro. Su questa nave non c'è stato nessuno a garantire il benessere degli animali", dice, richiamando l'attenzione su diverse irregolarità che "avrebbero potuto essere documentate in dicembre, prima che lasciasse Tarragona".


Il blocco del canale di Suez colpisce anche il trasporto di animali

Si prevedono diverse settimane di duro lavoro per sbloccare l'enorme nave bloccata nel canale di Suez, che ha messo in scacco il commercio di esportazione e importazione di metà del pianeta. Anja Hazekamp lo ha assicurato in dichiarazioni a elDiario.es: oltre al danno che il blocco può avere per varie imprese, le sue conseguenze saranno dannose per la salute degli animali. Attualmente, secondo le informazioni della deputata, ci sono quattro navi per il trasporto di animali nel canale: tre di esse sono partite poco più di una settimana fa da Cartagena.


"Le autorità devono impedire ulteriori traffici di animali finché la situazione del canale non sarà risolta", afferma Hazekamp. Le tre navi da Cartagena sono la Omega Star, partita il 16 marzo, la Gamma Star, partita il 18 marzo, e la Nada, partita il 22 marzo. "Chiediamo al governo spagnolo di non rilasciare più certificati per questo tipo di viaggi, soprattutto quando c'è una nave che blocca tutto. C'è un'assoluta mancanza di trasparenza", dice Silvia Barquero. È accanto ad Anja Hazekamp in cima al belvedere verso il porto. Entrambe assistono all'evacuazione del bestiame dalla Elbeik per sacrificarlo. Questa è la tragica fine del lungo viaggio nelle acque di nessuno che, con altre navi piene di animali intrappolati nel blocco del canale di Suez, si ripeterà.


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia