La lunga fedina penale di Johnson & Johnson, meglio non fidarsi

 

La lunga fedina penale di Johnson & Johnson, meglio non fidarsi

Aricolo originariamente scritto da Richard Gale e Gary Null Ph.D.


Per decenni, secondo un articolo di ottobre 2019 di The Guardian, "i consumatori di tutto il mondo hanno nominato il colosso farmaceutico da 347 miliardi di dollari Johnson & Johnson (J&J) come uno dei suoi marchi più affidabili".


Potrebbe interessarti Pfizer - Una Storia di Crimini contro l'Umanità


Dai suoi umili inizi nel 1880, producendo garze di cotone e alla fine cerotti, borotalco e shampoo, J&J si è espansa fino a diventare una delle più potenti multinazionali farmaceutiche e di dispositivi medici del mondo.


Nel 1959, J&J è entrata nel mondo di Big Pharma come protagonista dopo essere riuscita a far approvare il Tylenol come farmaco da banco. Poco dopo, J&J iniziò con una raffica di acquisizioni per aumentare la sua linea di prodotti, che includeva Neutrogena, Cordis, DePuy, Janssen Pharmaceutica e Centocor.


Oggi, nella maggior parte degli armadietti dei medicinali americani si trova un popolare prodotto J&J:  Listerine, Tylenol e Benadryl, crema per la pelle Neutrogena, Rogaine, pomata antibatterica Neosporin o Destin per trattare le eruzioni da pannolino.


Ora la gente è impaziente di avere il vaccino COVID-19 di J&J "un colpo e sei a posto" nonostante i timori dei funzionari sanitari che possa essere meno efficace dei concorrenti mRNA di Moderna e Pfizer.


I centri di vaccinazione e le farmacie stanno correndo per mettere le mani sul nuovo vaccino basato sull'adenovirus. E come noteremo più avanti, questo viene da un'azienda che non ha assolutamente alcuna esperienza passata nello sviluppo e nella produzione di vaccini.


Dobbiamo mettere seriamente in discussione la reputazione di J&J. Un rapporto del 2019 della società di intelligence britannica Alva ha notato che la reputazione di J&J è affondata drammaticamente negli ultimi anni, dal nono posto tra 58 grandi aziende farmaceutiche al 57° posto. Certamente, questa non è un'azienda con un record etico pulito.


Un esame della fedina penale di J&J negli ultimi tre decenni presenta un'immagine terribile e contraria che dovrebbe portarci a mettere in dubbio le affermazioni dell'azienda sul suo vaccino COVID-19, dato il mercato lucrativo che la pandemia ha creato per le corporazioni mediche più aggressive.


Come i suoi concorrenti altrettanto grandi, Glaxo, Merck e Pfizer, anche J&J ha dovuto pagare miliardi di dollari nel corso dei decenni per accordi civili e attività criminali.  Mentre il gigante farmaceutico riceve gli applausi dei media mainstream per il rilascio e l'autorizzazione all'uso d'emergenza del suo vaccino COVID-19, il Servizio Pubblico di Procura del Brasile ha iniziato un'indagine sulle attività antitrust di J&J sotto il Foreign Corrupt Practices Act (FCPA) per "possibili pagamenti impropri nel suo settore dei dispositivi medici".


Questo faceva parte di un'indagine del 2019 del Federal Bureau of Investigation sullo schema di corruzione che includeva Siemens, General Electric e Philips che agivano come un cartello più grande per pagare illegalmente i funzionari governativi in cambio di contratti con i programmi sanitari nazionali del Brasile. Le accuse includevano anche l'abbattimento dei prezzi e l'aumento dei prezzi fino all'800% sopra il prezzo di mercato per coprire le tangenti.


Questa non è la prima volta che J&J viola le leggi FCPA. Nel 2011, J&J è stata accusata dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti di cospirazione per aver pagato i medici greci per promuovere le vendite dei suoi prodotti. Anche la Securities and Exchange Commission ha sporto denuncia civile.


L'azienda ha dovuto pagare una multa di 70 milioni di dollari per aver comprato funzionari in Grecia, Polonia e Romania. Nel 2010, un dirigente della filiale DePuy di J&J è stato condannato a un anno di prigione per pagamenti corrotti a medici del sistema sanitario nazionale greco.


Potrebbe interessarti Storia di un inganno - Le Vaccinazioni


Essendo una delle aziende leader al mondo nel settore dei dispositivi medici, J&J ha avuto la sua parte di richiami per prodotti difettosi, comprese le lenti a contatto e gli impianti dell'anca. Nel 2013, la casa farmaceutica ha pagato quasi 2,5 miliardi di dollari per risarcire 8.000 destinatari dei suoi impianti dell'anca difettosi.  Sempre nel 2016, un altro miliardo di dollari è stato assegnato ai querelanti feriti da questo dispositivo.


Una particolare attività dubbia in cui l'azienda fu coinvolta nel 2008 fu quella di lanciare un "richiamo fantasma".  Quando si scoprì che le sue pastiglie Motrin IB non si dissolvevano correttamente, J&J assunse degli appaltatori esterni per comprare le scorte dei negozi per evitare di fare una dichiarazione pubblica. Nessuno avrebbe saputo di questa attività e sarebbe passata sotto gli occhi degli ispettori della U.S. Food and Drug Administration (FDA) se l'inganno non fosse stato scoperto durante un'indagine del Congresso.


Altre importanti cause e richiami di J&J per prodotti difettosi includono:


  • 1995: multa di 7,5 milioni di dollari per aver distrutto documenti per coprire un'indagine sulla commercializzazione errata della sua crema per l'acne Retin-A per rimuovere le rughe.

  • 1996: Un accordo non rivelato per false affermazioni sulla protezione dei preservativi contro l'HIV e altre malattie sessualmente trasmissibili.

  •  2001: Ha pagato 860 milioni di dollari in una causa collettiva per aver ingannato i clienti sullo scartare prematuramente le sue lenti a contatto morbide Acuvue 1-Day. J&J raccomandava di indossarle solo una volta, anche se si è scoperto che le lenti non erano diverse dalle normali lenti Acuvue che duravano due settimane.

  • 2010: accordo da 81 milioni di dollari per aver presentato il suo farmaco antiepilettico Topamax in modo errato per il trattamento di disturbi psichiatrici e per aver assunto medici esterni per unirsi alla sua forza vendita e promuovere il farmaco per condizioni non approvate. L'anno seguente, J&J ha pagato 85 milioni di dollari per accuse simili contro il suo farmaco per il cuore Natrecor.

  • 2011: Diversi prodotti J&J per bambini sono stati scoperti a contenere ingredienti cancerogeni.

  • 2013: Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti Dipartimento di Giustizia ha addebitato all'azienda 2,2 miliardi di dollari di multe penali per aver commercializzato il suo farmaco per l'autismo e antipsicotico Risperdal per usi non approvati. Quarantacinque stati hanno intentato cause civili contro J&J per lo scandalo. Janssen aveva anche una campagna aggressiva per commercializzare il Risperdal per l'uso nei bambini con problemi comportamentali. Altri gravi effetti avversi del Risperdal riportati dalla FDA includono diabete mellito, iperprolattinemia, sonnolenza, depressione, ansia, comportamento psicotico, suicidio e morte. I problemi legali dell'azienda sul Risperdal non sembrano essere finiti. Nell'ottobre 2019, una giuria di Filadelfia ha assegnato a un uomo 8 miliardi di dollari di danni punitivi per non aver avvertito che il farmaco potrebbe far crescere il seno ai giovani uomini. Altre cause recenti includono il contenzioso sui rischi di emorragia interna del suo fluidificante del sangue Xarelto e un accordo da 775 milioni di dollari a 25.000 querelanti.


  • 2016: Due donne hanno ricevuto 127 milioni di dollari di danni per il talco contenuto nel borotalco J&J Baby Powder che ha causato il cancro alle ovaie. In seguito, più di 1.000 casi simili si sono fatti avanti. Durante il processo si è scoperto che J&J sospettava un legame tra il talco e il cancro alle ovaie già negli anni '70. Un verdetto del Missouri ha multato l'azienda per oltre 4 miliardi di dollari, ma in seguito è stato ridotto a 2,1 miliardi di dollari. Un'indagine del New York Times sui promemoria interni di J&J ha scoperto le prove che il talco potrebbe aver contenuto amianto. Questi casi continuano. Nel luglio 2019, J&J si è sforzata di respingere 14.000 cause sul rischio di cancro da talco. 

  • Più recentemente, J&J è stata sotto i riflettori per il suo ruolo nel contribuire alla crisi mortale degli oppioidi. L'azienda detiene il brevetto per una varietà unica di papavero da oppio comunemente chiamata Norman. È il principale fornitore dell'oppioide per l'antidolorifico OxyContin di Purdue Pharma. Un tribunale dell'Oklahoma ha ordinato una multa di 465 milioni di dollari. Questo ha aperto la porta ad altri stati per seguirne l'esempio.


Per comprendere appieno quanto sia folle il sistema, la multa civile di poco meno di mezzo miliardo è stata considerata una buona notizia a Wall Street, che ha anticipato che il verdetto sarebbe stato di miliardi di dollari. Di conseguenza, le azioni di J&J sono salite del 2% dopo la sentenza del giudice. E nonostante J&J sia il principale fornitore di Purdue e uno dei principali responsabili dell'epidemia di oppioidi negli Stati Uniti, Purdue è stata costretta a dichiarare bancarotta a causa delle cause crescenti per le morti da overdose.


Infine, potremmo chiedere perché un'azienda di 140 anni, senza storia nello sviluppo di vaccini, è diventata un eroe nella guerra immunologica contro il COVID-19?


J&J non è un nome familiare nell'industria dei vaccini. È del tutto assente, per non parlare della sua posizione tra i 20 maggiori produttori di vaccini del mondo. Tra i 53 vaccini per altre infezioni elencati dal CDC come approvati per l'uso negli Stati Uniti, nessuno è prodotto dal leader nazionale del collutorio e del borotalco.


Non è quindi una sorpresa che l'azienda abbia dovuto associarsi con Merck per produrre il suo vaccino COVID per soddisfare la domanda - non ha storia o esperienza in questo campo medico.


La pandemia di COVID è una vacca da mungere per l'industria farmaceutica. Ronny Gal, analista di mercato di Bernstein, prevede che le vendite del vaccino COVID-19 raggiungeranno i 40 miliardi di dollari quest'anno. Una cifra più realistica è probabilmente più alta dato che insieme, Moderna e Pfizer proiettano le loro entrate a 32 miliardi di dollari.


Poi ci sono gli altri grandi vaccini di AstraZeneca, J&J e Novavax che entrano nella competizione. Secondo la London School of Hygiene and Tropical Medicine's vaccine research tracker, più di 200 vaccini contro il COVID-19 sono in sviluppo nel mondo.


Infine, c'è una domanda inquietante per la quale non abbiamo una risposta chiara: Com'è possibile che un'azienda farmaceutica e di prodotti per la salute della casa, senza precedenti nello sviluppo di vaccini, possa sviluppare e lanciare sul mercato il suo primo vaccino contro un ceppo virale che è stato identificato solo 14 mesi fa?


Lo sviluppo di un vaccino richiede molti anni e richiede la creazione di un'infrastruttura di R&S molto diversa dalla struttura richiesta per lo sviluppo di un farmaco convenzionale.


Se la lunga fedina penale di J&J offre un avvertimento, è che dobbiamo diffidare di qualsiasi affermazione dell'azienda sull'efficacia e la sicurezza dei suoi prodotti.

Originariamente pubblicato su Progressive Radio Network.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia