Merkel lockdown nazione totale per il COVID

 

Merkel lockdown nazione totale per il COVID

La baraonda politica iniziata l'anno scorso con COVID continua ancora, e ora il cancelliere tedesco Merket chiede un "breve lockdown nazionale" per fermare la diffusione del virus.


Angela Merkel ha chiesto un "breve blocco nazionale" per frenare la crisi del coronavirus in Germania, appena due settimane dopo essersi scusata per aver suggerito una chiusura pasquale di cinque giorni.


Il paese sta lottando per affrontare la terza ondata della pandemia e ha registrato una media di 15.000 casi ogni giorno nell'ultima settimana - il quinto più alto tasso di infezione in Europa.


La portavoce del cancelliere Merkel ha annunciato oggi che il suo capo ha appoggiato le richieste di diversi leader federali per un breve e brusco blocco mentre il paese cerca di vaccinare più persone possibile.


Arriva due settimane dopo che la Merkel ha fatto delle scuse umilianti per "l'errore" di cercare di imporre un blocco di Pasqua di cinque giorni.


Mi pento profondamente e per questo chiedo perdono a tutti i cittadini", ha detto la leader 66enne in un discorso in ginocchio in parlamento.


L'errore è solo mio", ha aggiunto la Merkel. Un errore deve essere chiamato solo così".


Ma oggi, la sua portavoce, Ulrike Demmer, ha segnalato un altro voltafaccia della cancelliera quando ha detto ai giornalisti che un numero crescente di pazienti in terapia intensiva significa che "ogni richiesta di una chiusura breve e uniforme è giusta". (fonte)


Germania - Il via al colpo di stato - Merkel spinge sulla dittatura


La Germania è il cuore della macchina economica europea. Se se ne va lei, se ne va tutta l'Europa, e dato che è stato dimostrato che le chiusure sono una causa diretta di instabilità economica e di peggioramento dei problemi, una "chiusura nazionale" avrebbe l'effetto diretto di peggiorare i problemi sociali ed economici. Cioè, a meno che non si assuma - come ampiamente discusso in questo articolo - che ciò sia desiderato, perché ciò porterebbe a una crisi politica che potrebbe essere sfruttata. Basterebbe allora un'altra ondata migratoria, per esempio, per innescare davvero una rinascita del militarismo.


Immigrazione e lockdown, questa sarà una combinazione tossica che potrebbe favorire una spinta non solo dalla sinistra politica alla destra dura, ma una spinta dal nazionalismo politico al militarismo e alla ricostruzione delle capacità militari della Germania, perché lei ha tutte le capacità per farlo, e ci vorrebbe solo un breve periodo per passare da un'economia di produzione ed esportazione a un'economia di guerra.


Ricordate l'avvertimento di Niklas Frank: la Germania è già pronta per una rinascita del nazionalsocialismo, e tutto ciò che serve sono "cinque o dieci anni di pesanti problemi economici" per vedere un revival del suo passato, ma recente comportamento.


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia