Big Pharma guarda alla prossima vacca da mungere del vaccino infantile - vaccini mRNA per RSV

 

Big Pharma guarda alla prossima vacca da mungere del vaccino infantile - vaccini mRNA per RSV

Ora che i vaccini COVID hanno stabilito la tecnologia mRNA come "nuova frontiera per lo sviluppo dei vaccini", i giganti farmaceutici hanno messo gli occhi su un vaccino mRNA per il virus respiratorio sinciziale (RSV) - che sperano di aggiungere a un programma di vaccino infantile già sovraccarico.

Questo è il primo di una serie di articoli di The Defender sul virus respiratorio sinciziale, comunemente noto come RSV. Leggi la seconda parte - "Dagli scimpanzé ai bambini: Le origini del RSV - Virus Respiratorio Sinciziale"


Di childrenshealthdefense.org


Nel corso dei decenni da quando i vaccini infantili hanno iniziato a diffondersi su larga scala, le lesioni da vaccino pediatrico hanno lasciato molti genitori pentiti per aver dimenticato o ignorato una lezione di storia fondamentale.


Quella lezione, nelle parole dello storico della medicina di Harvard David Jones, è che "quando si tratta di vaccini e vaccinazioni... c'è sempre stato un rischio e sempre ci sarà un rischio".


Sessantacinque anni fa, le famiglie impararono i rischi della sperimentazione medica nel modo più duro, quando permisero ai ricercatori di usare i loro bambini come soggetti di prova per un vaccino contro una malattia appena scoperta soprannominata "virus respiratorio sinciziale" (RSV), una malattia comune simile al raffreddore che ora si ritiene colpisca "virtualmente tutti i bambini", per lo più senza problemi, entro i due anni.


Il disastroso vaccino RSV ha portato alla morte di due bambini e all'ospedalizzazione della maggior parte degli altri giovani partecipanti alla sperimentazione clinica.


Da quel momento, i ricercatori vessati hanno continuato a impiegare "approcci per tentativi ed errori". Ma ammettono che "la strada verso un vaccino RSV efficace è lastricata di sfide", in gran parte a causa del difficile problema della "esacerbazione della malattia associata al vaccino" - un problema che ha anche afflitto i vaccini del coronavirus.


Il succo del problema della "esacerbazione", chiamato anche accentuamento anticorpo-dipendente o adescamento patogeno, è che il vaccino "adesca" i destinatari per sviluppare più tardi una malattia più grave invece di proteggerli.


Attirati dalla prospettiva di un grande mercato globale non sfruttato del vaccino RSV, i produttori stanno comunque mettendo gli occhi sullo sviluppo del vaccino RSV - e non solo per i neonati, ma anche per le donne incinte e gli anziani.


Entro il 2019, capitalizzando la proliferazione di nuove tecnologie vaccinali, gli studi clinici stavano valutando circa 30 candidati vaccini RSV, e gli scienziati annunciavano allegramente che il mondo "potrebbe essere presto sull'orlo dell'implementazione clinica".


L'affollato campo di candidati vaccini RSV include vaccini a RNA messaggero (mRNA). Infatti, con le iniezioni di COVID che hanno aperto le porte per stabilire la tecnologia mRNA come la "nuova frontiera per lo sviluppo del vaccino", i giganti farmaceutici sembrano più fiduciosi che mai di essere vicini a produrre finalmente un vincitore RSV.


In un cenno a queste speranze, la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha appena concesso la designazione fast-track a Moderna per il vaccino sperimentale mRNA-1345 della società contro RSV. Anche se la revisione fast-track della FDA si applica solo agli adulti più anziani per ora, le prove di fase 1 di Moderna della sua iniezione RSV includono anche i bambini di 1 anno.


E la sicurezza?

Il vaccino RSV del 1960 fu un disastro in termini di sicurezza, ma i ricercatori impegnati nei successivi tentativi di vaccino RSV hanno cercato di distogliere l'attenzione del pubblico dai rischi e di concentrarsi esclusivamente sull'efficacia.


Con l'aiuto di trucchi di progettazione di studi standard dell'industria - come il monitoraggio degli eventi avversi solo per un breve periodo o il confronto del vaccino con coadiuvanti in alluminio immunizzanti o altri vaccini (piuttosto che un placebo inerte) - i produttori sono riusciti a mantenere i potenziali problemi di sicurezza nell'ombra.


Gli standard etici fondamentali alla base della ricerca sui soggetti umani richiedono un'attenzione speciale alle popolazioni vulnerabili, compresi i feti, i neonati, le donne incinte e gli anziani istituzionalizzati.


Eppure queste sono precisamente le popolazioni che gli studi sul RSV hanno preso di mira - tutti flop, con nessuno che ha portato a un vaccino autorizzato e un minimo di divulgazione sulla sicurezza.


Per esempio:


  • Senza alcun gruppo di confronto, i Lederle Laboratories (in seguito acquisiti da Wyeth Pharmaceuticals, poi Pfizer, e ora noti come New York Center for Innovation) hanno testato un vaccino ricombinante (geneticamente ingegnerizzato) a tre dozzine di malati cronici istituzionalizzati (età media = 87 anni) a metà degli anni '90, la metà dei quali, al basale, "richiedeva assistenza per camminare o usava una sedia a rotelle". Cinque sono morti entro cinque mesi dall'iniezione, ma gli investigatori hanno riferito che "tutte le morti erano dovute a condizioni mediche non correlate allo studio".
  • Wyeth ha somministrato un vaccino RSV a subunità adiuvato con alluminio o un "controllo" adiuvante al fosfato di alluminio a diverse centinaia di bambini di età 1-12 anni con fibrosi cistica (fine anni '90). La fibrosi cistica è una condizione caratterizzata da difetti del sistema immunitario, e gli adiuvanti di alluminio possono far andare in tilt il sistema immunitario.
  • Nei primi anni 2000, in uno studio sponsorizzato dal National Institutes of Health, Wyeth ha dato a tre dozzine di donne sane nel loro terzo trimestre di gravidanza il suo vaccino RSV a subunità adiuvato con alluminio o un placebo salino, operando sotto la premessa (contraddetta da numerose prove) che le donne incinte "rispondono bene ai vaccini". Il produttore ha monitorato le reazioni locali e sistemiche nelle madri per soli sette giorni. I ricercatori non hanno riportato differenze degne di nota nei risultati per i due gruppi di neonati durante il loro primo anno di vita, anche se due dei bambini vaccinati hanno comunque sviluppato RSV.
  • Tra il 2015 e il 2018, Novavax ha dato a più di 4600 donne incinte sane (28-36 settimane di gestazione) un "vaccino a nanoparticelle proteiche di fusione" o una formulazione tampone (usata per stabilizzare le proteine e generalmente poco studiata per la tossicità). Cinquantasette (1,2%) delle partecipanti dai 18 ai 40 anni, più della metà reclutate in Sudafrica, non hanno progredito verso un parto vivo. Quattro donne su 10 nel gruppo del vaccino, contro una su 10 nel gruppo placebo, hanno riportato reazioni al sito di iniezione.
  • Nel giugno 2020, Pfizer ha lanciato uno studio di fase 3 per vaccinare le donne incinte con un vaccino RSV a subunità (placebo non specificato). Il disegno dello studio prevede il monitoraggio degli eventi avversi gravi nei neonati per 24 mesi, ma solo per sei mesi nelle madri. La sperimentazione è in corso.


Uno dei vaccini RSV che stanno entrando negli studi clinici negli ultimi anni - compresi gli studi pianificati di fase 3 con una "popolazione target" di bambini di due mesi - è un vaccino vettoriale virale prodotto da GlaxoSmithKline (GSK) che, come il colpo COVID di AstraZeneca, usa un adenovirus di scimpanzé come vettore.


È interessante notare che i ricercatori che identificarono l'RSV a metà degli anni '50 lo trovarono inizialmente negli scimpanzé, non negli esseri umani, e lo chiamarono "agente della corizza dello scimpanzé". [Nota: Dagli scimpanzé ai bambini: Le origini del RSV - Virus Respiratorio Sinciziale].


La corsa all'oro è iniziata

A livello globale, il maggior peso della malattia attribuita all'RSV è nei paesi a basso e medio reddito, dove si verifica il 99% dei decessi.


Per la maggior parte dei bambini americani per i quali l'RSV si presenta come una tosse di breve durata o un naso che cola - proprio come qualsiasi altro raffreddore invernale - un vaccino RSV non offrirà alcun beneficio. Né è probabile che i vaccini aiutino il sottoinsieme di bambini che vanno a sviluppare un'infiammazione polmonare più grave (bronchiolite) o la polmonite, bambini che tendono ad avere comorbidità o debolezze derivanti dalla prematurità, problemi congeniti, disturbi neuromuscolari o un sistema immunitario compromesso.


Eppure, come le calamitose iniezioni di COVID stanno illustrando, le paure dei virus - aiutate dalla propaganda e dalla manipolazione di concetti psicologici sociali come l'influenza sociale - possono convincere i genitori ad adottare e promuovere misure che vanno contro gli interessi dei loro figli.


Per assicurare il panico continuo, i media e gli ospedali stanno ora segnalando un'epidemia estiva di RSV-plus-COVID. Ironicamente, gli esperti spiegano il numero "insolitamente alto" di casi di RSV come "il risultato del fatto che i bambini sono stati in gran parte in quarantena lo scorso autunno e inverno, impedendo loro di costruire un'immunità".


Sfortunatamente, i resoconti di questo "malvagio pugno uno-due" sono destinati a mandare alcuni genitori nelle braccia in attesa di produttori che penzolano la salvezza sotto forma di un vaccino RSV, anche se l'iniezione, come il probabile imminente colpo mRNA di Moderna, utilizza una tecnologia che il creatore di mRNA avverte essere rischiosa.


GSK ammette candidamente nei materiali condivisi con l'Organizzazione Mondiale della Sanità che la visione dell'azienda per il suo vaccino RSV infantile a due dosi è per "la co-somministrazione con i vaccini pediatrici di routine" - in altre parole, l'incorporazione in programmi di vaccino infantile già sovraccarichi.


Negli Stati Uniti, il programma di vaccini per bambini e adolescenti attualmente include fino a sei dozzine di dosi fino all'età di 18 anni: fino a 27 dosi di 10 vaccini (14 antigeni) fino a 15 mesi di età, altre 13 dosi di 8 vaccini (11 antigeni) fino a 18 anni, più una o due dosi annuali di vaccino antinfluenzale.


Gli Stati Uniti hanno anche appena lanciato il primo vaccino sei-in-uno per i neonati, nonostante i preoccupanti segnali di sicurezza in Europa.


Scioccati dalla scala e dalla gravità delle lesioni da vaccino COVID nei loro adolescenti, alcuni genitori stanno respingendo la narrativa "uno su un milione", ricordando al mondo che non c'è responsabilità per le lesioni causate da qualsiasi vaccino sperimentale o autorizzato.


Con circa 400 eventi avversi documentati nei foglietti illustrativi dei vaccini infantili esistenti, altri genitori potrebbero fare bene a considerare se i rischi delle iniezioni di RSV o COVID valgono i tenui benefici.


Leggi la seconda parte - "Dagli scimpanzé ai bambini: Le origini del RSV - Virus Respiratorio Sinciziale"

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia