Documenti dell'FBI: Assassini seriali

 

Documenti dell'FBI: Assassini seriali

Un serial killer è, tradizionalmente, una persona che ha ucciso tre o più persone in un periodo di più di un mese, con un tempo di inattività (un "periodo di raffreddamento") tra gli omicidi. Alcune fonti, come l'FBI, ignorano il criterio "tre o più" e definiscono il termine come "una serie di due o più omicidi, commessi come eventi separati, di solito, ma non sempre, da un solo colpevole" o, includendo le caratteristiche vitali, un minimo di due omicidi.


Qui sotto c'è una lista di serial killer e i loro file dell'FBI, ottenuti sotto il Freedom of Information Act / Privacy Acts.


File FBI declassificati sui serial killer


Herbert Baumeister Baumeister, Herb – [ 164 Pagine, 4.92MB ] – Herbert Richard "Herb" Baumeister (7 aprile 1947 - 3 luglio 1996) è stato un serial killer americano di Westfield, Indiana, fuori Indianapolis. Baumeister si è suicidato prima di poter essere processato e non ha mai confessato i crimini che avrebbe commesso. Ne ha uccisi 9, con un sospetto di altri 11.
Ted Bundy Bundy, Ted – [ 145 Pagine, 6.37MB ] – Nel 1977, Theodore (o Ted) Robert Bundy (1946-1989) scappò dalla custodia mentre veniva trasportato in Colorado per essere processato per omicidio. Salt Lake City ha emesso un mandato di fuga che ha richiesto il coinvolgimento dell'FBI.
Andrew Cunanan Cunanan, Andrew – [ 718 Pagine, 25.53MB ] – Andrew Phillip Cunanan (1969-1997) era un assassino seriale inserito nella Ten Most Wanted List dell'FBI. Questi materiali consistono in un file precedentemente rilasciato dall'FBI Minneapolis Field Office riguardante la caccia a Cunanan tra maggio e luglio del 1997.
Jeffrey Dahmer Dahmer, Jeffrey – [1,220 Pagine, 101MB] – Jeffrey Lionel Dahmer (21 maggio 1960 - 28 novembre 1994), conosciuto anche come il Cannibale di Milwaukee, è stato un serial killer e molestatore sessuale americano, che ha commesso lo stupro, l'omicidio e lo smembramento di 17 uomini e ragazzi tra il 1978 e il 1991, con molti dei suoi omicidi successivi che coinvolgono anche la necrofilia, il cannibalismo e la conservazione permanente di parti del corpo - tipicamente tutta o parte della struttura scheletrica.
 Defeo, Ronald – [7 Pagine, 1.5MB] – Ronald Joseph DeFeo Jr. (26 settembre 1951 - 12 marzo 2021) è stato un assassino di massa americano, processato e condannato per gli omicidi del 1974 di suo padre, sua madre, due fratelli e due sorelle ad Amityville, Long Island, New York. Condannato a sei condanne da 25 anni all'ergastolo, DeFeo morì in prigione nel 2021. Il caso ha ispirato le versioni del libro e del film The Amityville Horror.
John Wayne Gacy Gacy, John Wayne – [20 Pagine, 1.45MB] – John Wayne Gacy Jr. (17 marzo 1942 - 10 maggio 1994) è stato un serial killer e stupratore americano. Ha aggredito sessualmente, torturato e ucciso almeno 33 ragazzi adolescenti e giovani uomini tra il 1972 e il 1978 nella contea di Cook, Illinois (una parte della città metropolitana di Chicago).  Tutti gli omicidi conosciuti di Gacy furono commessi all'interno del suo ranch di Norwood Park. Le sue vittime erano tipicamente attirate al suo indirizzo con la forza o con l'inganno, e tutte tranne una sono state uccise per asfissia o strangolamento con un laccio emostatico di fortuna; la sua prima vittima fu pugnalata a morte. Gacy seppellì 26 delle sue vittime nell'intercapedine della sua casa. Altre tre vittime furono sepolte altrove nella sua proprietà, mentre i corpi delle sue ultime quattro vittime conosciute furono gettati nel fiume Des Plaines. Condannato per 33 omicidi, Gacy fu condannato a morte il 13 marzo 1980, per 12 di questi omicidi. Trascorse 14 anni nel braccio della morte prima di essere giustiziato con un'iniezione letale al Stateville Correctional Center il 10 maggio 1994. Gacy divenne noto come il "Killer Clown" a causa dei suoi servizi caritatevoli in eventi di raccolta fondi, parate e feste per bambini dove si vestiva come "Pogo il Clown", un personaggio da lui ideato.
Jack the Ripper Jack the Ripper – [ 8 Pagine, 0.7MB ] – Nel 1888, una serie di omicidi irrisolti a Londra, Inghilterra, furono attribuiti a un serial killer chiamato "Jack lo Squartatore". Nel 1988, l'agente speciale supervisore John Douglas del National Center for the Analysis of Violent Crime dell'FBI eseguì un'analisi del caso per la Cosgrove-Meurer Production Company. Questa pubblicazione consiste nella sua analisi.

Una nuova prospettiva sulle indagini sugli omicidi seriali


Pubblicato il 10 ottobre 2014

Menziona il termine serial killer e ciò che viene in mente a molte persone sono assassini come Ted Bundy e John Wayne Gacy, le cui gesta macabre sembrano perseguitare il nostro immaginario collettivo.

Ma quando Bob Morton considera gli assassini seriali - cosa che ha trascorso gran parte della sua vita professionale - l'agente speciale recentemente ritiratosi, che in passato ha fatto parte della nostra Unità di Analisi Comportamentale, pensa soprattutto alle statistiche.

Morton, l'autore di un nuovo studio sugli omicidi seriali per il National Center for the Analysis of Violent Crime dell'FBI, ha passato gli ultimi otto anni a raccogliere e analizzare i dettagli di centinaia di casi di omicidi seriali per aiutare gli investigatori a capire meglio questi terribili crimini ed essere meglio attrezzati per risolverli.

"In passato", ha detto Morton, "la ricerca tendeva a concentrarsi su criminali noti e su ciò che li ha portati a diventare assassini seriali". Quelle informazioni, anche se utili, fornivano poco aiuto agli investigatori che cercavano di arrestare un criminale sconosciuto in un caso attivo e irrisolto.

Il nuovo studio - Omicidio seriale: Pathways for Investigations - si concentra su un aspetto chiave dei casi di omicidio seriale: come e dove vengono scoperti i corpi delle vittime e cosa questo dice sugli assassini.

"Abbiamo cercato di dare agli investigatori che lavorano su questi casi un punto di partenza comune, che è il corpo", ha detto Morton. "Si lavora a ritroso da lì per discernere le caratteristiche del colpevole e restringere la rosa dei sospetti. Il corpo è l'unica costante nel crimine", ha spiegato. "Molte altre cose possono cambiare, ma il modo in cui si trova la vittima non cambierà".

Se la vittima era una prostituta, per esempio, e il corpo è stato lasciato dove è avvenuto l'omicidio, questo può offrire alcuni indizi sull'assassino. Se il corpo è stato nascosto ad una certa distanza dal luogo dell'omicidio, questo può offrire indizi diversi. I dati statistici dello studio sono stati tratti da 480 casi di omicidi seriali negli Stati Uniti che hanno coinvolto 92 criminali in un periodo di quasi cinque decenni. Morton crede che i risultati dello studio potrebbero essere un "cambio di gioco" per gli investigatori che lavorano su casi irrisolti.

"Molte delle cose che abbiamo imparato nel corso degli anni attraverso l'esperienza stiamo cercando di dimostrare attraverso la ricerca empirica", ha detto. "L'obiettivo principale è quello di fornire alle forze dell'ordine dati rilevanti che li aiutino a concentrarsi sui sospetti più probabili".

L'omicidio seriale negli Stati Uniti è sorprendentemente raro. Anche se è impossibile quantificare il numero di assassini seriali attivi a livello nazionale o quanti omicidi commettono, la ricerca accademica e delle forze dell'ordine suggerisce che il numero di omicidi compiuti da criminali seriali in un dato anno è una frazione del numero totale di omicidi che si verificano negli Stati Uniti. "Ma quando si verifica", ha detto Morton, che ha lavorato a decine di questi casi durante i suoi 25 anni di carriera nel Bureau, "può essere travolgente per una comunità e le sue agenzie di polizia".

"C'è molta pressione sulla polizia per risolvere questi crimini", ha aggiunto, e la maggior parte dei dipartimenti di polizia locale non ha mai avuto un omicidio seriale nella sua giurisdizione. È qui che l'FBI può fornire un supporto investigativo basato sul comportamento ai nostri partner statali e locali". Il Centro Nazionale per l'Analisi del Crimine Violento e i membri della nostra Unità di Analisi Comportamentale hanno una vasta esperienza con le indagini sugli omicidi seriali e offrono la loro esperienza su richiesta.

"L'FBI è diventato un centro di smistamento per questi crimini", ha detto Morton, "e siamo pronti ad assistere le forze dell'ordine locali quando si trovano di fronte ad un caso di omicidio seriale attivo. Questa nuova ricerca è uno strumento in più per aiutare gli investigatori".



fonte

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia