Pozzo di Barhout - Ecco cosa hanno trovato all'ingresso dell'inferno


Era la mattina del 15 settembre 2021 e Mohammad Al-Kindi si trovava sul precipizio del grande sconosciuto. Lui e il suo Oman Cave Exploration Team erano nel mezzo del deserto all'estremo confine orientale dello Yemen, vicino al confine con l'Oman, un luogo desolato lontano da qualsiasi città o strada principale. Quando il sole sorse, scrutarono in un gigantesco buco nella terra, largo circa 100 piedi in superficie, e che si estendeva verso il basso fino a una profondità di, beh, nessuno ne era del tutto sicuro.

La buca era conosciuta come il Pozzo di Barhout e Al-Kindi e la sua squadra stavano preparando un tentativo per diventare i primi a calarsi sul fondo.

Intorno a loro si era radunato un folto gruppo di locali. Ma questi non erano solo curiosi. Mentre Al-Kindi e il suo team preparavano le loro attrezzature, la gente del posto li supplicava di non portare a termine la spedizione. Alcuni tra la folla tremavano apertamente per la paura.

La loro apprensione era comprensibile. Per la gente del posto, il 
Pozzo di Barhout è conosciuto con un nome completamente diverso: per loro è il " Pozzo dell'Inferno " e le leggende che circondano questo moniker non sono qualcosa che prendono alla leggera. In effetti, molti considerano fortuna anche solo parlare del pozzo.

Storie locali sul pozzo di Barhout

Secondo la gente del posto, il pozzo è un luogo di sparizioni inspiegabili, dove le persone sembrano semplicemente svanire nel nulla. Molti credono che gli oggetti vicino al buco possano effettivamente essere risucchiati verso di esso. Una storia spesso raccontata racconta di un pastore che ha lasciato giocare il suo bambino nella zona, solo per scoprire che il bambino era scomparso all'istante, senza lasciare tracce nella sabbia dove potrebbe essere strisciato verso il pozzo.

Inoltre, molti hanno riferito di aver visto strani animali intorno al pozzo, comprese terrificanti creature alate molto più grandi degli uomini. Altri hanno notato un odore ripugnante, quasi insopportabile, mentre alcuni dicono addirittura di aver sentito voci strane e persone che urlavano dal profondo.

Ma forse ciò che stava dando più apprensione alle persone mentre guardavano Al-Kindi e il suo team prepararsi a scendere nel pozzo, era una storia, che descriveva cosa era successo a un altro che aveva fatto un simile tentativo in passato.

Secondo la gente del posto, in un momento in cui la regione soffriva di una grave siccità, i suoi cittadini decisero di legare una corda a un uomo e calarlo nel pozzo in cerca di acqua. Mentre scendeva, l'uomo iniziò improvvisamente a urlare di terrore, costringendo coloro che erano in superficie a sollevarlo immediatamente di nuovo fuori. Ma quando lo fecero, la metà inferiore del suo corpo mancava; l'uomo era stato mozzato alla vita.

Non c'è da stupirsi che alcuni abbiano implorato Al-Kindi e la sua squadra di non entrare nel pozzo.

Tutto ciò può suonare molto drammatico, forse come un tipo di leggende metropolitane che si costruiscono attraverso le generazioni attraverso il passaparola e l'esagerazione. Tranne che l'idea del pozzo Barhout come "pozzo dell'inferno" è profondamente intrecciata nel tessuto religioso e storico della regione...

L'avvertimento del profeta Maometto del pozzo di Barhout

Al tempo del  profeta Maometto , nel VII secolo d.C., uno scriba islamico di nome Ibn Abbas registrò le parole del profeta in una serie di hadith. In uno di questi hadith, Maometto parla del Pozzo di Barhout.

“ L'acqua peggiore sulla faccia della terra è l'acqua di Wadi Barhut ad Hadramawt, che è simile alle locuste rispetto ad altri parassiti. Sgorga al mattino ed è asciutto la sera".

In un certo senso, le parole di Maometto sul pozzo sono state prese alla lettera. In effetti, nei tempi moderni, un uomo di nome Ammar Hashem Mohammed Osman ha guadagnato una sorta di rilievo con le sue vivide descrizioni delle acque della regione, che ha incontrato mentre completava il servizio militare obbligatorio nella zona.

“ C'era un pozzo ordinario scavato per fornire acqua al sito militare. Ma quando la pompa ha iniziato a funzionare per la prima volta per prelevare l'acqua, dal pozzo è uscito un liquido nero come catrame. L'odore era insopportabile, un cattivo odore di uova marce. Ero nauseato dalla gravità dell'odore.

Nessuno ha potuto utilizzare l'acqua per almeno 12 ore, poiché l'odore si è attenuato e la materia nera si è depositata sulle pareti dello stagno dove è stata raccolta l'acqua. Tuttavia, giuro che non riuscivo a dormire per l'odore dei miei vestiti e per l'odore del mio corpo dopo essermi lavato con quell'acqua.

È certo che questo pozzo è collegato alla stessa sorgente che alimenta l'acqua del pozzo Barhout e contiene le stesse caratteristiche.

D'altra parte, come molte parole pronunciate da figure religiose, anche le parole di Maometto sul pozzo di Barhout sono state interpretate in modo più metaforico.

Guardala così: per chi vive in un deserto, l'idea di un pozzo che producesse acqua "come le locuste" sarebbe stata praticamente la cosa peggiore che si potesse immaginare. In quanto tale, quando Muhammad dice che il pozzo di Barhout ha "l'acqua peggiore sulla faccia della terra" , può essere visto come una metafora del posto peggiore della terra.

Questa idea ha costituito la base della leggenda del Pozzo di Barhout.

Racconti storici del pozzo di Barhout

Nel 13° secolo, un viaggiatore e storico musulmano di nome  Ibu al-Mujawir  scrisse di come era nato il pozzo Barhout. Ne attribuì la costruzione al famigerato re Shaddad bin Ad, che governò la penisola arabica nel periodo successivo al diluvio di Noè. Per i musulmani, Shaddad è ricordato come un tiranno e un infedele e, più in generale, come il costruttore della  leggendaria città perduta di Iram , che molti dicono sia ancora sepolta sotto la sabbia del deserto fino ad oggi: una " Atlantide delle Sabbie ".

Secondo Ibn al-Mijawir, Shaddad era arrivato nello Yemen orientale durante l'espansione del suo regno e lo trovò desolato e senza acqua. Pertanto, ordinò a due jinn prigionieri sotto il suo comando di scavare un grande sistema di pozzi e canali.

Nella tradizione islamica, i jinn sono esseri soprannaturali creati da Dio dal " fuoco senza fumo ". Hanno la capacità sia del bene che del male e spesso appaiono agli umani in forma animale, in particolare come serpenti e uccelli, o anche come umani, mentre conducono anche la propria vita in una dimensione separata nota come Al Ghaib.

Sono stati questi esseri soprannaturali che Shaddad bin Ad avrebbe costretto a costruire il Barhout Well.

Ma secondo Al-Mujawir, c'era di più. "Quando passò molto tempo" , scrisse, "Shaddad bin Ad iniziò a mandare tutti coloro che dovevano essere imprigionati in questo luogo", sia umani che jinn malvagi.

Da questa storia, il Pozzo di Barhout divenne noto in tutta la regione come una prigione per i jinn malvagi, una sorta di stazione interdimensionale tra il mondo degli umani e il mondo soprannaturale dei jinn dove potevano essere intrappolati. L'area venne persino chiamata "Muqam al-jinn" - "la dimora dei jinn".

Ancora oggi, un detto locale sul pozzo di Barhout lo descrive come un luogo in cui "lingue estinte sfrigolano nelle notti fredde", sottintendendo che le urla e le voci spesso udite dal pozzo sono in realtà le voci di jinn a lungo imprigionati.

Con il passare degli anni, l'idea del Pozzo Barhout come prigione si espanse, da prigione per jinn a una sorta di purgatorio per i dannati, siano essi jinn o umani.

Verso la fine del XVI secolo, uno storico di nome Abu Makhrama, originario della città di Aden, vicino al pozzo di Barhout, scrisse ampiamente sulla storia della regione. All'interno di questa storia c'era una storia che parlava della vera natura del pozzo di Barhout.

C'era un uomo della gente di Khourasan che viveva alla Mecca, era un uomo di molti devoti sforzi in termini di adorazione e buone azioni, e spesso le persone depositavano denaro con lui. Un uomo lo lasciò con diecimila dinari e partì per un viaggio. Quando tornò alla Mecca scoprì che l'uomo era morto. Chiese ai figli e alla gente dell'uomo del suo denaro, e loro dissero: "Non siamo a conoscenza del tuo denaro". L'uomo si recò quindi da un gruppo di dotti e astenuti della Mecca e si lamentò con loro della sua relazione. Gli ordinarono di sedere al pozzo di Zamzam finché non fosse trascorsa metà o un terzo della notte. Dovrebbe quindi girare la testa verso di esso e gridare ad alta voce, O'Fulan, io sono Fulan proprietario del deposito, cosa ne hai fatto? L'uomo ha fatto così per tre notti senza risposta. Tornò al gruppo e disse loro che non era successo niente. Quindi gli dissero: "in verità temiamo che quest'uomo sia tra il popolo del fuoco, e devi andare nello Yemen in un wadi ad Aden chiamato Barhout". Lì avrebbe trovato un pozzo, e gli avevano ordinato di metterci di nuovo la testa, quando fosse trascorsa metà di un terzo della notte, avrebbe dovuto quindi chiedere del deposito. Quando l'uomo ha fatto come gli era stato ordinato, questa volta il defunto ha risposto che il denaro era stato seppellito nella sua stanza "in questa o quella casa" e ha detto al depositante di tornare alla Mecca e chiedere a suo figlio di scavarlo". trascorsa la metà di un terzo della notte, avrebbe dovuto chiedere della caparra. Quando l'uomo ha fatto come gli era stato ordinato, questa volta il defunto ha risposto che il denaro era stato seppellito nella sua stanza "in questa o quella casa" e ha detto al depositante di tornare alla Mecca e chiedere a suo figlio di scavarlo". trascorsa la metà di un terzo della notte, avrebbe dovuto chiedere della caparra. Quando l'uomo ha fatto come gli era stato ordinato, questa volta il defunto ha risposto che il denaro era stato seppellito nella sua stanza "in questa o quella casa" e ha detto al depositante di tornare alla Mecca e chiedere a suo figlio di scavarlo".

Abu Makhrama conclude la storia con un'affermazione, rendendo chiara la morale:

In verità, le anime dei dissoluti gemono nel pozzo di Barhout, ed è vero che è ad Aden che le persone esiliate per il fuoco risiedono fino alla risurrezione".

Questo è stato ulteriormente approfondito all'inizio del 1900 da Shaykh Abbas-e Qummi, uno studioso islamico e rinomato interprete di libri religiosi e testi antichi. In una delle sue opere più famose, intitolata Manazilul Akhirah, racconta una storia incredibile.

Un giorno, un uomo venne alla presenza del Santo Profeta in un modo che la paura lo aveva sopraffatto, e il suo volto era diventato pallido. Disse di aver assistito a un evento sorprendente, che era la causa della sua irrequietezza. Sulla domanda del Profeta, ha detto: “Mia moglie ha una malattia, per la cura della quale mi ha chiesto di prendere dell'acqua dal pozzo a Wadi-e-Barhoot. Ho preso una borsa di pelle e una ciotola e me ne sono andato. Quando sono arrivato lì, l'inquietante ambiente circostante mi ha spaventato e ho iniziato frettolosamente a cercare il pozzo. Ne trovai uno e stavo per riempire d'acqua il sacco, quando sentii il rumore delle catene da sopra di me. Udii una voce che mi chiedeva dell'acqua, perché stava morendo di sete intensa. Quando ho guardato in alto, ho visto un uomo appeso a una catena, che era legata al collo. Ero confuso, ma accettai la sua richiesta di acqua. Quando ho allungato la mano per offrirgli dell'acqua, la catena è stata improvvisamente tirata in cima e l'uomo è arrivato proprio vicino al sole cocente. Sono rimasto sbalordito e spaventato e ho iniziato a riempire la sacca dell'acqua quando ho visto l'uomo essere mandato giù di nuovo. Di nuovo ha chiesto dell'acqua e, come prima, quando ho allungato la mano per darglielo, la catena è stata tirata su. Questo è successo tre volte. La terza volta, ero completamente spaventato e sono scappato da lì. O profeta! Ora ti chiedo di spiegarmi l'incidente. Il Santo Profeta rispose: “L'uomo che hai visto nel Wadi-e-Barhoot non era altri che il maledetto Caino, che aveva ucciso senza pietà suo fratello Abele. Sarà punito allo stesso modo nella valle, e il giorno di Qayamat sarà nutrito con il fuoco ardente dell'inferno”. e l'uomo raggiunse proprio vicino al sole cocente. Sono rimasto sbalordito e spaventato e ho iniziato a riempire la sacca dell'acqua quando ho visto l'uomo essere mandato giù di nuovo. Di nuovo ha chiesto dell'acqua e, come prima, quando ho allungato la mano per darglielo, la catena è stata tirata su. Questo è successo tre volte. La terza volta, ero completamente spaventato e sono scappato da lì. O profeta! Ora ti chiedo di spiegarmi l'incidente. Il Santo Profeta rispose: “L'uomo che hai visto nel Wadi-e-Barhoot non era altri che il maledetto Caino, che aveva ucciso senza pietà suo fratello Abele. Sarà punito allo stesso modo nella valle, e il giorno di Qayamat sarà nutrito con il fuoco ardente dell'inferno”. e l'uomo raggiunse proprio vicino al sole cocente. Sono rimasto sbalordito e spaventato e ho iniziato a riempire la sacca dell'acqua quando ho visto l'uomo essere mandato giù di nuovo. Di nuovo ha chiesto dell'acqua e, come prima, quando ho allungato la mano per darglielo, la catena è stata tirata su. Questo è successo tre volte. La terza volta, ero completamente spaventato e sono scappato da lì. O profeta! Ora ti chiedo di spiegarmi l'incidente. Il Santo Profeta rispose: “L'uomo che hai visto nel Wadi-e-Barhoot non era altri che il maledetto Caino, che aveva ucciso senza pietà suo fratello Abele. Sarà punito allo stesso modo nella valle, e il giorno di Qayamat sarà nutrito con il fuoco ardente dell'inferno”. e come prima, quando ho teso la mano per darglielo, la catena è stata tirata su. Questo è successo tre volte. La terza volta, ero completamente spaventato e sono scappato da lì. O profeta! Ora ti chiedo di spiegarmi l'incidente. Il Santo Profeta rispose: “L'uomo che hai visto nel Wadi-e-Barhoot non era altri che il maledetto Caino, che aveva ucciso senza pietà suo fratello Abele. Sarà punito allo stesso modo nella valle, e il giorno di Qayamat sarà nutrito con il fuoco ardente dell'inferno”. e come prima, quando ho teso la mano per darglielo, la catena è stata tirata su. Questo è successo tre volte. La terza volta, ero completamente spaventato e sono scappato da lì. O profeta! Ora ti chiedo di spiegarmi l'incidente. Il Santo Profeta rispose: “L'uomo che hai visto nel Wadi-e-Barhoot non era altri che il maledetto Caino, che aveva ucciso senza pietà suo fratello Abele. Sarà punito allo stesso modo nella valle, e il giorno di Qayamat sarà nutrito con il fuoco ardente dell'inferno”. che aveva ucciso senza pietà suo fratello Abele. Sarà punito allo stesso modo nella valle, e il giorno di Qayamat sarà nutrito con il fuoco ardente dell'inferno”. che aveva ucciso senza pietà suo fratello Abele. Sarà punito allo stesso modo nella valle, e il giorno di Qayamat sarà nutrito con il fuoco ardente dell'inferno”.

Da resoconti come questi, la tradizione locale iniziò a vedere il Pozzo di Barhout come una “ prigione degli spiriti oscuri” e “ le anime degli infedeli ”. 

Molto semplicemente, l'idea del Pozzo di Barhout come 
Pozzo dell'Inferno era stata costruita per secoli, attraverso testi religiosi e resoconti storici. Non c'è da stupirsi che mentre Mohammad Al-Kindi e il suo team di esplorazione delle grotte dell'Oman si preparavano a scendere nel pozzo, siano stati circondati da gente del posto che lanciava terribili avvertimenti.

Altri tentativi di esplorare il pozzo di Barhout

Il fatto è che Al-Kindi e il suo team non sono stati nemmeno il primo gruppo moderno a tentare di esplorare le profondità del pozzo.

Nel 2013, il quotidiano Al-Bayan degli Emirati Arabi Uniti riportava il resoconto di una società chiamata Desert Line che tentava un'indagine visiva del pozzo. Secondo l'articolo, un dipendente è stato attaccato a una gru e calato nel pozzo con una videocamera. A circa 100 metri di profondità, l'impiegato ha cominciato a urlare ed è stato rapidamente riportato in superficie, dove ha affermato che mentre era sceso, la geometria delle pareti aveva iniziato a spostarsi e ad avvilupparsi su di lui.

Pensando che forse il loro collega avesse sofferto di un attacco di claustrofobia, il resto del team si è trasferito per rivedere il filmato. Tuttavia, nonostante la luce proveniente dalla superficie sia sufficiente per girare presumibilmente un buon filmato, la videocamera ha registrato solo il nero.

Questo tipo di malfunzionamento dell'attrezzatura non è insolito intorno al Pozzo di Barhout.

Non due anni prima che Al-Kindi e il suo team facessero il loro tentativo, un canale YouTube locale chiamato Hadhramaut ebbe un'idea brillante: se sembravano esserci problemi ogni volta che una persona veniva calata nel pozzo, perché non far volare un drone in? I risultati del loro tentativo di fare proprio questo sono stati straordinariamente catalogati in un video pubblicato sul loro canale YouTube.

All'inizio, il drone scende normalmente e una vista dell'interno del pozzo inizia a venire a fuoco. Ma poi, il drone si ferma improvvisamente, quindi inizia a muoversi in modo irregolare.

“Non riesco letteralmente a controllarlo”, dice il pilota, “va ai lati. Va in verticale e poi improvvisamente va al muro. Riesci a malapena a tirarlo fuori di nuovo.

Quando il pilota riesce a recuperare il drone, scopre che la sua telecamera si è bloccata solo pochi secondi durante la discesa e ora non funziona affatto.

È allora che le cose iniziano a diventare davvero bizzarre.

All'improvviso, dal pozzo iniziano a uscire strani rumori, che suonano come gemiti, ululati. Nelle parole dell'ospite del canale, "ora sentiamo dei suoni, suoni spaventosi, suoni del vento, suoni di... qualcosa di strano a dire il vero".

Il video si conclude con gli uomini visibilmente scossi e l'ospite che proclama: "Davvero, chiunque venga qui si sentirà spaventato... chiunque venga qui, non credo che riceverà alcun beneficio, se non solo dare un'occhiata e andarsene".

Sarebbe successo qualcosa di simile a queste storie ad Al-Kindi e alla sua squadra quando hanno tentato la loro discesa nel pozzo?

È interessante notare che poco prima della loro spedizione, i funzionari yemeniti sembravano lavarsi le mani di qualsiasi cosa potesse accadere una volta che la squadra fosse entrata nel pozzo. Il direttore dell'autorità per il rilevamento geologico e le risorse minerarie della regione, Salah Babhair, ha  rilasciato un'intervista  in cui ha affermato con scetticismo:

“È molto profondo, non abbiamo mai raggiunto il fondo di questo pozzo, perché c'è poco ossigeno e non c'è ventilazione. Siamo andati a visitare la zona ed siamo entrati nel pozzo, arrivando a più di 50-60 metri di profondità. Abbiamo notato cose strane all'interno. Abbiamo anche annusato qualcosa di strano. È una situazione misteriosa».

In altre parole, sembrava che Babhair stesse informando Al-Kindi e il suo team che avevano già tentato, e non erano riusciti, di arrivare in fondo al pozzo, e se le cose non fossero andate bene, le autorità locali non sarebbero state da biasimare.

Cosa hanno trovato nel pozzo di Berhout

Con tutto questo in mente, e il peso di secoli di storia e leggenda sulle sue spalle, Al-Kindi fece un respiro profondo e iniziò la sua discesa nel Pozzo di Barhout, calandosi in corda doppia da una corda attaccata alla superficie.

All'inizio tutto filava liscio.

“Non appena sono sceso i primi 30 metri”, ha detto Al-Kindi, “ho potuto iniziare a vedere i dettagli della grotta e delle sue formazioni. È stato un momento molto felice, semplicemente andare giù, godersi la scena.

Ma poi, senza preavviso, ci fu un forte sussulto alla corda e Al-Kindi smise di muoversi, lasciandolo penzolare nel buio, solo nel Pozzo dell'Inferno.

Dopo pochi istanti si rese conto che la sua corda non era abbastanza lunga; ne era arrivato alla fine senza arrivare in fondo. Con calma, tirò fuori il suo walkie-talkie e chiamò in superficie per una corda più lunga.

Quando è stato fatto scendere, ha continuato la sua discesa, andando più lontano di quanto chiunque altro avesse mai fatto, e di fatto arrivando fino in fondo. Il suo corpo non è stato reciso, le mura non si sono chiuse, non è stato assalito da spiriti maligni, né è scomparso in un'altra dimensione. Invece, si fermò sul pavimento di quella che sembrava essere una grotta piuttosto normale.

C'erano, nelle sue parole, "un sacco di bellissimi depositi di caverne", tra cui stalattiti e stalagmiti che raggiungevano fino a 30 piedi di altezza e un incredibile deposito di perle di caverne. C'erano anche numerosi uccelli, scarafaggi, rospi e lucertole, così come, in particolare, un'enorme colonia di serpenti stranamente traslucidi - "ma non ti daranno fastidio a meno che tu non importi loro", ha scherzato Al-Kindi. Dalle pareti della grotta scorrevano scintillanti cascate d'acqua limpida.

Lungi dal terrificante, è stato, nelle parole di Al-Kindi, "abbastanza spettacolare".

Dopo Al-Kindi, il resto della sua squadra si è calato in corda doppia e, insieme, hanno trascorso la maggior parte delle cinque o sei ore di esplorazione. Le loro macchine fotografiche non funzionavano male e sono stati in grado di scattare fotografie sorprendenti dell'interno del pozzo. Sì, c'era un cattivo odore, ma proveniva da carcasse di animali in decomposizione, inclusi molti uccelli morti. Al-Kindi ha persino bevuto una bottiglia dell'acqua che scorreva all'interno della grotta, proclamando in seguito: "Sono ancora vivo!" prima di aggiungere: "È un'acqua molto fresca, molto normale".

Prima di tornare in superficie, il team "raccolse campioni di acqua, rocce, terreno e alcuni animali morti", con l'intento di farli analizzare prima di pubblicare un rapporto completo su ciò che avevano trovato poco dopo.

Quando sono emersi dal pozzo, la gente del posto in attesa in superficie è rimasta sbalordita. Hanno bombardato la squadra di domande, a cui gli audaci esploratori hanno risposto pazientemente, mostrando persino foto e campioni alla folla.

Al-Kindi credeva fermamente che avventurandosi nel Pozzo di Barhout, avesse dissipato secoli di leggende in un solo pomeriggio. Come ha detto lui, "Quello che abbiamo fatto qui penso sia essenziale, perché abbiamo cambiato idea alle persone almeno su uno di questi posti".

Dopo tutti quegli anni, il grande mistero del Pozzo di Barhout, il Pozzo dell'Inferno, era stato risolto, non con un botto ma con un lamento.

O ce l'aveva...

Teorie sul pozzo di Barhout e sul pozzo dell'inferno

Per alcuni, rimangono domande senza risposta sul Pozzo di Barhout, dettagli ancora da riempire che lasciano il mistero vivo e vegeto.

Perché, ad esempio, Al-Kindi e il suo team non hanno trovato resti umani nel pozzo, oltre a quelli di animali? La spiegazione che viene data più spesso per le numerose strane sparizioni intorno al pozzo è che le persone erano semplicemente negligenti e cadevano dentro. Allora dov'erano le loro ossa? Se fossero caduti, sembrava che fossero scomparsi nel nulla.

Ancora più importante, nelle settimane e nei mesi successivi all'esplorazione del pozzo da parte del team, il rapporto promesso sui campioni prelevati non si è mai materializzato. Se tutto era semplice come suggerito dal team, allora dov'era il rapporto?

Quelli più legati alla storia religiosa del pozzo sono andati anche oltre.

Innanzitutto, perché c'erano così tanti serpenti? E poiché si dice che i jinn si manifestino nel nostro mondo come serpenti, l'esistenza di così tanti serpenti potrebbe effettivamente fornire la prova che sia la "dimora dei jinn", piuttosto che contro di essa?

Inoltre, se il Pozzo di Barhout fosse davvero una sorta di  porta verso un'altra dimensione , una "prigione di spiriti oscuri", non avrebbe senso che questa porta si aprisse e si chiudesse, che non sarebbe sempre visibile agli occhi umani?

C'è qualcos'altro però, qualcosa legato alle parole originali di Maometto, al fatto che il Pozzo di Barhout è "l'acqua peggiore sulla faccia della terra".

È possibile che abbiamo sempre frainteso il significato della metafora di Maometto?

Il pozzo di Barhout - Un super vulcano addormentato

Alla fine del 1800, non c'era una squadra di viaggiatori più famosa di Theodore e Mabel Bent. Ogni anno dopo il loro matrimonio a Liverpool, in Inghilterra e nel 1877, si recavano all'estero, con Theodore che scriveva e disegnava schizzi e Mabel che scattava fotografie e teneva un diario. Nel corso dei successivi 15 anni, la coppia avrebbe documentato i loro viaggi attraverso l'Italia e la Grecia, lo Zimbabwe e l'Etiopia e altrove.

Nel 1893, partirono per il loro viaggio più drammatico di tutti, un tentativo di esplorare in profondità lo Yemen, che a quel punto era per lo più sconosciuto agli europei. Durante questi viaggi, si sarebbero avvicinati all'area che ospitava il Pozzo di Barhout. Come scrisse Teodoro ,

“ Eravamo davvero molto ansiosi di sapere se potevamo andare oltre o dovessimo tornare indietro, e se avremmo potuto fare l'uno o l'altro in sicurezza. Volevamo andare proprio lungo il Wadi Hadhramout e vedere Bir Borhut o Barahout”.

La loro ansia era comprensibile; era stato detto loro tutto del Pozzo di Barhout. "È un pozzo Addite in un deserto arido e in una valle tenebrosa", registra Theodore nei suoi appunti, "un pozzo le cui acque sono nere e fetide, dove le anime degli infedeli trovano la loro dimora".

Ma c'era più di questo, una caratteristica ancora più sinistra di cui avevano parlato i Bent.

"Masoudi nel X secolo ne parla come del più grande vulcano del mondo, e dice che emette immense masse di fuoco e che il suo fragore può essere sentito a miglia di distanza."

In effetti, hanno visto segni di attività vulcanica mentre si avvicinavano all'area. Sulle alture vicine c'è molto zolfo", racconta Theodore, prima di aggiungere minacciosamente, "considerano che questo luogo sia la bocca dell'inferno".

Sfortunatamente per i Bent, l'area che comprendeva il Pozzo di Barhout era in quel momento parte dell'Impero Ottomano, ed era quindi vietata agli esploratori britannici come loro. Furono costretti a tornare a casa senza mai esplorare questo presunto grande vulcano.

Leggendo i loro resoconti oggi, ci si potrebbe chiedere se questo fosse semplicemente un caso di creazione di miti da parte della gente del posto, divorato da viaggiatori desiderosi. O l'area potrebbe davvero essere la sede di un supervulcano dormiente, una "bocca dell'inferno" che minaccia il mondo?

Nei tempi moderni, una cosa è certa: l'area che circonda il pozzo di Barhout è uno dei confini tettonici più attivi " in qualsiasi parte del mondo.

Lo Yemen si trova in una tripla giunzione tra tre placche tettoniche che si allontanano costantemente l'una dall'altra e creano nuova crosta oceanica. È stato stabilito che ci sono almeno 11 vulcani dell'Olocene nel paese e ci sono rocce vulcaniche e coni di cenere associati a colate laviche in tutta l'area. In effetti, gran parte della costa dello Yemen è nota per essere stata creata da colate laviche.

Nel corso della storia dell'area, l'attività vulcanica ha svolto un ruolo di primo piano, dai resoconti di un'eruzione nell'area di Barhout Well nel X secolo, ai resoconti secondo cui un vulcano stava ancora " fumando " nel 1813. Anche nei tempi moderni, le eruzioni sono comuni , anche nel 2007 , quando un'isola al largo delle coste dello Yemen è stata "avvolta dal fuoco e poi è scomparsa", uccidendo un certo numero di soldati yemeniti che erano di stanza lì, e nel 2011 , quando una diversa eruzione al largo delle coste dello Yemen è durata quasi un mese e ha creato un'isola completamente nuova nel mare.

È davvero possibile che in mezzo a tutta questa attività vulcanica si trovi un supervulcano dormiente che un giorno potrebbe eruttare?

Conclusione

Forse questo è ciò che Maometto intendeva veramente quando disse che il pozzo di Barhout aveva la " peggiore acqua sulla faccia della terra " - la " peggiore acqua ", una metafora di un'eruzione vulcanica che potrebbe letteralmente distruggere la terra.

Forse il Pozzo di Barhout è davvero un Pozzo dell'Inferno , cioè un supervulcano che potrebbe trasformare il mondo in un inferno vivente.

Se vuoi saperne di più sui misteri dell'Arabia, guarda il nostro documentario e articolo: Iram: La città perduta dei giganti – Atlantide delle sabbie


Originariamente pubblicato su: Universe Inside You

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Link e materiale non pertinente sarà eliminato.

Nuova Vecchia