Rapporto: Più di 150.000 negli Stati Uniti uccisi dai vaccini Covid; vaccino H1N1 fermato dopo 32 morti

 

Rapporto: Più di 150.000 negli Stati Uniti uccisi dai vaccini Covid; vaccino H1N1 fermato dopo 32 morti

Uno studio indipendente ha confermato l'analisi della Vaccine Safety Research Foundation secondo cui più di 150.000 americani sono morti a causa dei vaccini Covid tra febbraio e agosto, ha riferito il direttore esecutivo della fondazione.


L'analisi della Vaccine Safety Research Foundation del database Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) "può essere usata per stimare il numero di morti in eccesso causate dai vaccini COVID. Una semplice analisi mostra che è probabile che oltre 150.000 americani siano stati uccisi dagli attuali vaccini COVID a partire dal 28 agosto 2021", ha riferito la fondazione.


La ricerca di Spiro Pantazatos della Columbia University e Herve Seligmann "ha dimostrato che la nostra stima del numero di morti in eccesso è coerente con quello che hanno trovato", ha riferito il direttore esecutivo della Vaccine Safety Research Foundation Steve Kirsch il 24 dicembre.


Lo studio Pantazatos-Seligmann (che può essere visualizzato qui) ha trovato:


- Tra 146K e 187K morti associate ai vaccini negli Stati Uniti tra febbraio e agosto 2021.

- Confrontando la nostra stima con il VFR riportato dal CDC, le morti VAERS sono sottovalutate di un fattore 20, coerentemente con il noto bias di sottovalutazione VAERS.

- Confrontando i nostri VFR stratificati per età con i tassi di mortalità per infezione da coronavirus (IFR) pubblicati per età, suggerisce che i rischi dei vaccini COVID e dei richiami superano i benefici nei bambini, nei giovani adulti e negli anziani con basso rischio professionale o precedente esposizione al coronavirus.


"Questi ricercatori hanno trovato numeri simili a quelli che abbiamo trovato noi, entro un fattore 2. Sono d'accordo che oltre 150.000 persone sono state uccise dai vaccini finora. Questo è più di 3 volte il numero di morti in combattimento nella guerra del Vietnam; una guerra che è durata quasi 20 anni", ha notato Kirsch.


L'analisi della Vaccine Safety Research Foundation ha trovato un massiccio aumento dei decessi segnalati attraverso il sistema VAERS "quasi istantaneamente, non appena i vaccini hanno iniziato a circolare. Ed è stato proporzionale al lancio. Non è così che funziona il cambiamento comportamentale... il cambiamento comportamentale avverrebbe molto lentamente nel tempo; soprattutto se si sta cercando di convincere i medici a cambiare i loro comportamenti a lungo termine. La segnalazione ha seguito fondamentalmente il lancio del vaccino. I medici erano più propensi a segnalare a VAERS quest'anno perché c'erano semplicemente più eventi da segnalare. Abbiamo verificato che parlando direttamente con i medici come la ragione per cui stanno segnalando di più per questi vaccini".


La fondazione ha notato che ci sono fondamentalmente due ipotesi:


1. VAERS è sovra-riportato quest'anno per gli eventi Covid-19 così tutte le morti sono semplicemente morti di fondo. 2. Il vaccino ha causato zero morti. Questa è l'affermazione della FDA/CDC.

2. VAERS è riportato quest'anno allo stesso tasso degli anni precedenti. Tutte le morti in eccesso rispetto agli anni precedenti sono dovute al vaccino. Questa è l'ipotesi della fondazione.


Sono aumentate le segnalazioni di persone giovani e sane sottoposte a vaccinazione. Come riportato, un redattore del New York Times, di 49 anni, è morto un giorno dopo aver ricevuto il richiamo del Covid. Almeno 4 giovani calciatori sono morti improvvisamente nel giro di una settimana.

Muore a 18 anni Adrien Sandjo calciatore del Cit Turin, malore improvviso, arresto cardiaco e morte cerbrale

Ahmed Amin, 24 anni, calciatore muore improvvisamente subito dopo l'allenamento

Altri 2 calciatori morti in campo per problemi cardiaci, Sofiane Loukar e Mukhaled Al-Raqadi di 30 e 29 anni

Marin Čačić, calciatore croato di 23 anni, crolla in campo per problemi di cuore e finisce in coma


"Non c'è una condizione d'arresto per questi vaccini e nessun membro del Congresso o del CDC è disposto a tracciare una linea nella sabbia e dire: 'Il governo degli Stati Uniti dovrebbe fermare i vaccini dopo che un numero X di americani è stato ucciso'", ha scritto Kirsch.


Una condizione ragionevole di arresto, ha aggiunto Kirsch, sarebbe 32 persone. "Nel 1976 abbiamo fermato il vaccino H1N1 dopo solo 32 morti".


"Oggi, il numero di morti consentito è illimitato", ha aggiunto Kirsch. "E non c'è responsabilità per i produttori. E non ci sono stati pagamenti alle centinaia di migliaia di feriti da vaccino. Zero. Zip. Nada".


Nel frattempo, "nessuno al Congresso (o nei media tradizionali) sembra preoccupato dal fatto che i vaccini uccidono più persone di quante ne salvino", ha scritto Kirsch. "La sperimentazione di fase 3 della Pfizer ha salvato 1 vita da COVID per ogni 22.000 persone vaccinate. Quindi per 220M completamente vaccinati, sono 10.000 vite salvate, ma 150.000 o più persone uccise. Quindi uccidiamo 15 persone per salvarne 1. E lo rendiamo obbligatorio".


Kirsch ha aggiunto: "Forse un giorno, troveremo un membro del Congresso che presterà effettivamente attenzione a ciò che dicono i dati e dirà due parole, 'Mi oppongo'. "


fonte

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia