Le origini del Deep State in Nord America (Lo Stato Profondo Parte 4) - George Grant, Massey e la creazione di un nazionalismo sintetico del Canada

Da canadianpatriot

 

"Il Canada originariamente è stato messo insieme da due gruppi di persone che non avevano molto in comune, ma non volevano essere americani"

 

Parte 1: Il movimento della tavola rotonda

Parte 2: La perversione di Milner conquista il Canada

Parte 3: Cos'è la Fabian Society e per quale fine è stata creata?

Parte 4: George Grant, Massey e la creazione di un nazionalismo sintetico del Canada


George Grant, Massey e la creazione di un nazionalismo sintetico del Canada

Le parole di cui sopra, tratte da un'intervista del 1973 a George Grant, presentano una notevole ironia: uno dei padri fondatori più influenti del "nuovo nazionalismo" sorto con la cacciata del Canada nel 1963 dal primo ministro John Diefenbaker e l'ascesa del Nuovo Partito Liberale sotto Walter Gordon , e Lester Pearson, è un uomo che non ha mai descritto ciò che il Canada è in alcun modo positivo, ma semplicemente ciò che non era. Le opere della vita influenti e piene di bugie di Grant culminarono nel suo Lament for a Nation: The Defeat of Canadian Nationalism del 1965 e servirono come un attacco alla psiche collettiva dei giovani canadesi che stavano guardando un'America post-JFK cadere sotto il influenza di una politica imperiale a guida britannica e politica economica iniziata con la guerra in Vietnam.

Per comprendere appieno il paradosso dell'identità canadese scolpito da Grant in questa e in opere simili, è necessario dare una breve occhiata all'uomo, come imperialista, come rappresentante di una famiglia oligarchica canadese, un Rhodes Scholar, un Nietzschean/ Straussiano e odiatore del progresso scientifico e tecnologico rappresentato dalle migliori tradizioni americane.8-c-Grant nel 1973

George Grant era tra i membri di un crescente alveare di studiosi di Rodi che si erano infiltrati in quasi tutti i rami della politica, degli affari, dei media e del mondo accademico in Canada sin dalla fondazione della borsa di studio nel 1902. I pensieri filosofici di Grant furono trasmessi in tutte le forme di stampa, media radiofonici e televisivi dal 1949 alla fine della sua vita nel 1988. Nato in due famiglie "d'élite" canadesi interconnesse, il destino di Grant era relativamente predeterminato da forze che in un certo senso erano al di fuori del suo controllo, e una breve rassegna di alcuni i membri chiave della famiglia e i ruoli loro assegnati nella deformazione del Canada e del mondo saranno utili prima di affrontare le bugie racchiuse nella devozione della vita di George Grant. Questo esercizio aiuterà anche lo storico moderno a capire meglio il pedigree dell'oligarismo canadese,

Una famiglia di imperialisti

Il nonno paterno di George, George Munro Grant, è stato per tutta la vita un sostenitore dell'Unione Imperiale e una figura chiave nel garantire8-c-Ignatievl'inclusione della provincia della Nuova Scozia nella Confederazione del 1867 che assicurava che il Canada non adottasse una costituzione simile nella sostanza a quella del suo vicino repubblicano. Per i suoi servizi all'impero britannico, Grant fu nominato preside del Queen's College dal 1877 fino alla sua morte nel 1902.

Il nonno materno di George Grant era il famigerato imperialista George Parkin, il canadese a cui Lord Alfred Milner aveva in seguito attribuito il merito di aver fornito uno scopo e una missione alla sua vita durante il loro reciproco soggiorno a Oxford nel 1873-1874 (insieme a un giovane Cecil Rhodes). Parkin si fece la voce più importante del mondo per l'unione imperiale, spiegando nel suo vangelo della Federazione Imperiale del 1891 che un tale programma era l'unico mezzo per salvare l'Impero Britannico, allora sull'orlo del collasso durante la seconda metà del 19° secolo. George Parkin divenne preside8-c-Parkin e Milnerdell'Upper Canada College nel 1895 e lasciò il suo incarico per diventare il primo segretario del Rhodes Scholarship Trust dopo la morte di Cecil Rhodes nel 1902. La borsa di studio di Rodi è stata progettata per soddisfare l'intenzione dei sette testamenti di Rodi che richiedevano il dominio del "razze inferiori" alla superiorità anglosassone e alla definitiva riconquista dell'America creando un sistema di indottrinamento controllato per i giovani talenti di tutto il mondo che avrebbero ricevuto il loro condizionamento nelle aule dell'Università di Oxford.

Parkin mantenne questa posizione di potere fino alla sua morte nel 1922. Da questo incarico, Parkin lavorò a stretto contatto con Lord Alfred Milner nella creazione di movimenti della Tavola Rotonda in tutte le colonie britanniche a partire ufficialmente dal 1911. Ogni ramo della Tavola Rotonda era controllato da un posto di comando centrale della Tavola Rotonda al Foreign Office di Londra. In questo modo si potrebbe realizzare una strategia comune per definire una politica imperiale per le colonie (allora brama di sovranità modellata sul sistema americano). Fu attraverso questo strumento vitale che l'Impero britannico fu in grado di coordinare la cacciata nel 1911 del Primo Ministro canadese di ispirazione Lincoln, Wilfrid Laurier. [3]

Parkin aveva presto incontrato un talento nella forma di un giovane aristocratico canadese di nome Vincent Massey. Nel 1911, Massey, che allora era uno studente in Ontario, divenne determinante nella formazione di rami giovanili del Movimento della Tavola Rotonda presso l'Università di Toronto. Dopo i suoi preziosi servizi all'Impero, Massey fu quindi inviato dal controllore della Tavola Rotonda con sede in Ontario Arthur Glazebrook a Oxford per essere addestrato direttamente da Alfred Milner, un autodefinito "patriota della razza"[4] e collaboratore di George Parkin, che era già noto per aver sedotto i giovani uomini di Oxford alla causa quasi religiosa dell'Impero Britannico[5]. Massey ha continuato a diventare il più influente dei generi di George Parkin quando lui8-c-Masseysposò una delle quattro figlie di Parkin nel 1915. Massey non solo svolse un ruolo chiave nel plasmare il panorama politico e culturale del Canada per i successivi cinquant'anni, ma diede anche a un giovane George Grant la sua prima importante promozione come studioso dopo la seconda guerra mondiale.

A parte Massey, una breve panoramica delle figlie Parkin e dei loro mariti fornisce allo storico una preziosa visione delle abitudini riproduttive di una dinastia oligarchica canadese che ha notevolmente deformato l'evoluzione del Canada durante il secolo successivo.

La seconda figlia di George Parkin, Maude, sposò il figlio di George Munro Grant di nome William. William Grant fu Beit Lecturer a Oxford (1906-1910) e successivamente insegnante Massey alla St. Andrews University. Era il preside dell'Upper Canada College e una delle principali forze guida del Movimento della Tavola Rotonda. Dopo il 1919, William divenne il capo della filiale canadese della Società della Società delle Nazioni[6], e anche direttore della Massey Foundation dopo la sua formazione nel 1918 [7]

La terza figlia di George Parkin, Marjorie, sposò uno studioso di Rodi di nome JM Macdonnell che divenne sia un finanziere come presidente del National Trust sia il capo del comitato di selezione delle borse di studio di Rodi canadesi, reclutando un altro studioso di Rodi per diventare Segretario del Rhodes Trust da il nome di Roland Michener [8]. Macdonnell è diventato ministro di gabinetto sotto il primo ministro conservatore John Diefenbaker, dove ha lavorato insieme al collega Rhodes Scholar e ministro della giustizia Davie Fulton per minare il programma "Northern Vision" di Diefenbaker per lo sviluppo dell'Artico, il programma WAC Bennett per la gestione delle acque continentali con gli Stati Uniti e Il programma di Daniel Johnson per lo sviluppo dell'energia idroelettrica in Quebec [9].

La quarta figlia di George Parkin, Grace, sposò Henry Wimperis, un importante ingegnere aeronautico britannico che svolse un ruolo influente lavorando per il 1946-1950 Atomic Energy Study Group per il Royal Institute for International Affairs (Chatham House) [10].

L'unico figlio di George Parkin si chiamava George Raleigh Parkin, che divenne anche un importante finanziere a capo della Sun Life Insurance dopo essere tornato a casa dal suo indottrinamento a Oxford, e poi divenne un membro di spicco del Canadian Institute for International Affairs (CIIA).

Il nuovo nazionalismo di George Grant e Vincent Massey

Già nel 1945, mentre l'identità canadese era sempre più plasmata dalla convinzione dei quattro mandati della Presidenza Roosevelt degli Stati Uniti nel progresso scientifico e tecnologico e nella crescita illimitata, Grant si stava facendo un nome come esponente di un nuovo modello di nazionalismo canadese fondato non sulla cooperazione con l'America, ma piuttosto consolidando le sue tradizioni "conservatrici britanniche" contro le tendenze del progresso americano. Scrivendo in "Abbiamo una nazione?" , Grant ha scritto:

“Perché a meno che non sappiamo perché esistiamo, a meno che non sappiamo cosa stiamo cercando di costruire qui in Canada, a meno che non facciamo uno sforzo consapevole per costruirlo, saremo inevitabilmente plasmati dalla REPUBBLICA. C'è sempre stata e sempre ci sarà un'alternativa alla costruzione di una nazione canadese. E questo è sommergere la nostra nazione negli USA”. [11]

Quello che Grant sta descrivendo è una traiettoria che aveva attanagliato l'immaginazione canadese come effetto della stretta collaborazione che il Canada aveva condiviso con Franklin Roosevelt prima e soprattutto durante il corso della seconda guerra mondiale nota come "continentalismo". Non avendo nulla a che fare con il continentalismo perverso del NAFTA[12] e dell'Organizzazione Mondiale del Commercio promossa oggi, ma piuttosto con il continentalismo che poneva tanta paura e odio nei cuori dei nidi di Rhodes Scholarship e dei loro padroni londinesi. Questo continentalismo rappresentava una prospettiva basata sull'applicazione su larga scala del progresso scientifico e tecnologico al superamento di ostacoli allo sviluppo umano che superavano le semplici barriere nazionali. Dal periodo 1945-1963, le politiche di gestione dell'acqua su larga scala viste nei progetti di energia idroelettrica del Quebec e BC Il Trattato del Columbia River come gateway per NAWAPA era tra i programmi più ambiziosi che i patrioti canadesi, lavorando insieme ai loro colleghi americani, erano entusiasti di costruire. Allo stesso modo, lo sviluppo dell'Artico alimentato da un sistema nucleare completo come nuova frontiera della civiltà umana e un'economia basata sullo spazio fondata sull'esplorazione e la scoperta erano anche una priorità assoluta per i costruttori di nazioni nordamericane e per il mondo.

La reputazione di Grant come nemico sia del continentalismo che del progresso scientifico e tecnologico, lo portò a essere catapultato al riconoscimento nazionale dall'acquisizione dei suoi servizi da parte di suo zio Vincent Massey nel 1949. Il servizio di Grant arrivò sotto forma di un'appendice commissionata alla Commissione reale sullo sviluppo nazionale delle arti, delle lettere e delle scienze presieduto da Massey e dal suo collaboratore franco-canadese George Henri Lévesque. Lévesque era un sacerdote domenicano e un ingegnere sociale formato in Belgio, incaricato di secolarizzare la provincia del Quebec per preparare la cultura all'integrazione in un mondo nuovo [12].

Nel suo saggio del 1949, Grant ha chiesto la revisione del sistema educativo canadese in conformità con l'agenda politica che Julian Huxley dell'UNESCO aveva assegnato a Massey e che in seguito ha portato alla creazione del Canada Council nel 1957. Questo Consiglio, modellato su un template, era necessario per gestire “scientificamente” la cultura e l'istruzione canadesi. La giustificazione degli imperialisti di questa revisione dell'educazione, usava una tecnica per affermare, senza alcuna prova rilevante, che esiste una dicotomia assoluta tra la natura emotiva dell'umanità e il carattere pensante, o nel linguaggio di Grant, del "contemplativo/statico vita” e la “vita attiva/che cambia” [13]. Dopo che tale dicotomia è stata assunta tra le “due culture” delle arti e delle scienze applicate, allora si potrebbe costruire un argomento su cui si potrebbe organizzare l'amplificazione della vita statica e la diminuzione della vita attiva nella composizione della società nel suo insieme. A tal fine, Grant ha svolto il suo ruolo con piena soddisfazione di suo zio e dei maestri britannici.

Grant osserva mestamente: "In alcune università del Canada anglofono, ci sono quattro volte più persone che insegnano fisica rispetto a filosofia e tre volte più persone che insegnano zootecnia ... la ragione principale, senza dubbio, di questo stato di cose in Canada è il fatto della nostra breve storia, la maggior parte della quale è stata occupata dagli affari pratici di una nazione pioniera. Una tale società deve mettere le sue energie in quelle attività che raggiungeranno fini materiali. La vita attiva piuttosto che contemplativa diventa necessariamente l'ideale. Tutto ciò che supererà efficacemente le difficoltà deve essere accolto con entusiasmo. Quella concentrazione sui fini materiali e l'ammirazione per l'uomo d'azione continua per molto tempo dopo che ha cessato di essere una necessità. [14]

Dopo aver affermato che la sfortunata idealizzazione della vita attiva è sia puramente materialistica (e non filosoficamente/spiritualmente), Grant presume ancora, senza alcuna prova, che può venire un momento in cui l'azione cessi di essere una necessità. Fatta questa affermazione, Grant attacca frontalmente la nozione stessa di ottimismo e manifesta il destino stesso:

“...Una società pionieristica in cui ci sono ovvi risultati materiali aperti a tutti gli uomini di intelligenza media porta a un ottimismo sull'universo molto simile all'ottimismo associato alla giovinezza. La tragedia e la complessità della maturità non sono così evidenti come in una società antica e più statica. Quando sorgono le difficoltà spirituali della maturità, il grido di 'Vai a ovest, giovane' può aiutare le persone ad evitarle. È da un senso di tragedia e di incertezza più che altro che nasce la necessità della speculazione filosofica. Una nazione giovane nella sua sicurezza e fiducia è quindi fondamentalmente antifilosofica”. [15]

Quindi la conclusione di Grant è che non solo l'ottimismo nell'universo e nell'umanità deriva da uno spirito ingenuo e non maturo, ma che lo stesso spirito pionieristico è semplicemente una fuga dal pensare alla tragica complessità della vita affrontata da persone del calibro di tali "maturi" Pensatori conservatori britannici come Charles Darwin e Thomas Malthus. Nel mondo di Grant, una vita attiva imbevuta di un senso di ottimismo universale nel superare gli ostacoli della natura attraverso il progresso, è intrinsecamente antifilosofica! Confrontalo con lo spirito pionieristico del consigliere economico di Abraham Lincoln, Henry C. Carey, che diresse le sue energie per distruggere questa fallace supposizione dei pensatori britannici attaccando sia Malthus che Darwin per nome nel suo Unity of Law del 1871 :

8-c-Carey"Qui c'era un'ulteriore prova dell'universalità delle leggi naturali: il corso dell'uomo, in riferimento alla terra in generale, essendo così mostrato essere lo stesso che vediamo ora essere in riferimento a tutti gli strumenti in cui egli modella parti della grande macchina stessa. Partendo sempre dalle asce più povere, procede verso quelle d'acciaio; partendo sempre dai terreni più poveri, procede verso quelli capaci di dare maggiori ritorni al lavoro; l'aumento del numero si è quindi rivelato essenziale per aumentare l'offerta di cibo. Qui c'era un'unità di diritto che portava alla perfetta armonia di tutti gli interessi umani reali e permanenti, e si opponeva direttamente alle discordie insegnate dal signor Malthus ... Riflettendo su questo, [Carey parlando nel 1 °persona] fu presto portato ad esprimere la convinzione che un esame più attento avrebbe portato allo sviluppo del grande fatto, che esisteva un solo sistema di leggi; quelli istituiti per il governo della materia inorganica risultando essere gli stessi dai quali quella materia era governata quando prendeva forma di uomo, o di comunità di uomini”. [16]

Se vista attraverso gli occhi di Henry C. Carey e di tutti gli statisti simili del sistema americano, la natura della politica, dell'economia e della cultura sono unite nei poteri dell'umanità di migliorare l'universo e, così facendo, migliorare se stesso nella misura in cui scopre sempre più perfettamente , le leggi della creazione e la propria identità unica come specchio del macrocosmo. Un'economia e una legge non sono, nella mente di Carey, una “cosa”, ma piuttosto un processo di creazione! Questo è il segreto fondamentale che l'oligarchia anglo-olandese e i suoi dirigenti hanno cercato di oscurare e la cui soluzione risiede nel principio fisico universale dell'aumento della densità del flusso di energia e detiene le chiavi non solo del paradosso ragione/emozione, ma anche dell'umanità salvezza ancora oggi.

Tornando ai sofismi di Grant, è sorta la domanda: dove mai troveremmo maestri di arti passive come la filosofia e la musica, se la tendenza pionieristica canadese attiva dal 1878, ne avesse impedito l'esistenza fino ad oggi? Grant risponde alla sua domanda:

“Va tuttavia menzionata una difficoltà nell'avere gli inglesi come nostri principali insegnanti di filosofia. Come è stato detto in precedenza, questi uomini insegnavano in un'epoca in cui la concezione delle arti contemplative veniva radicalmente assalita in Canada. Il fatto che gli uomini che erano profondamente coinvolti nel mantenere viva questa concezione fossero generalmente uomini allevati in Gran Bretagna spesso significava che non erano in grado di trasporre le questioni vitali della filosofia in termini sufficientemente canadesi da renderle di ardente interesse per i giovani canadesi. [17]

Quindi gli insegnanti desiderati sono uomini allevati senza sorprese in Gran Bretagna! Ma purtroppo, la mancanza di sensibilità alla matrice culturale canadese identificata da Grant ha impedito a questi insegnanti di influenzare a sufficienza la mente canadese e di raggiungere la desiderata "tragica cultura della stasi maturata" per la quale Grant desiderava ardentemente. Verso la conclusione del suo saggio, Grant lascia che il suo invito all'azione (ironicamente a fermare la vita attiva) scaturisca palesemente.

“La questione sarà decisa se i nostri leader politici e funzionari pubblici, i nostri uomini d'affari ed educatori arriveranno a vedere più chiaramente i vantaggi a lungo termine della formazione dei nostri giovani abili a una vita contemplativa e ad un approccio attivo alla vita. Dipenderà infatti dal fatto che vedranno gli incalcolabili vantaggi che riguarderanno qualsiasi società che abbia una tradizione contemplativa abbastanza forte da fungere da freno agli uomini d'azione giustamente impetuosi. Nel mondo in cui viviamo il bisogno di una tale influenza dovrebbe diventare sempre più evidente... Bisogna ammettere la tragedia che, proprio mentre le forze di controllo nel nostro mondo occidentale stanno cominciando a capire quanto profondamente le nostre tradizioni spirituali abbiano bisogno di essere custodite, e che alcune delle nostre l'energia deve essere dirottata dalla tecnologia verso tale scopo,[18]

Perciò, affinché la società si salvi dal «barbaro impero che ripone la sua fede nella salvezza mediante la macchina», gli uomini della vita contemplativa devono essere creati con un'intensità sufficientemente forte da poter «fare da freno agli uomini impetuosi di azione”. Fedele alla forma, Grant afferma che questo sarebbe un vantaggio evidente senza mai produrre una singola prova [19].

Rilevanza della Commissione Massey per l'ingegneria sociale

La Commissione Massey fu un attore chiave nell'operazione orchestrata dall'MI6/CIA Congress for Cultural Freedom (CCF) iniziata nel 1949 al fine di "de-nazificare" sia l'Europa che le Americhe e promuovere una cultura che era condizionata a presumere che il lo stesso atto di giudicare giusto e sbagliato non sarebbe più possibile senza rischiare l'ascesa di nuovi Hitler (non era dopotutto lo stesso atto di giudicare che ha permesso a Hitler di fare affermazioni assolute sulla verità che ha causato la guerra?) Chiunque abbia parlato di La “verità”, doveva quindi essere qualificata come personalità autoritaria e fascista [20].

La Commissione Massey ha fornito un progetto concettuale per la creazione di meccanismi necessari per fermare, nella misura più alta possibile, l'accesso della mente canadese a tutte le influenze di giornali, riviste, servizi radiofonici, programmi televisivi e film americani, stabilendo un sistemi di quote. Questo sistema di quote ha reso estremamente difficile trovare molti media statunitensi in Canada per decenni. Assumendo la responsabilità del finanziamento di arti, cultura, scienze umane e sociali dalle filantropie Rockefeller e Carnegie che avevano il monopolio principale sul finanziamento di tali programmi sia in America che in Canada [20],

L'approccio delle scienze sociali e umanistiche promosso dall'UNESCO, dall'OCSE, dalle filantropie imperiali e ora dal Canada Council, si basava sul trattamento delle caratteristiche comportamentali culturali come "cose" in sé e per sé, non come processi effimeri guidati da idee di principi universali. Il presupposto ideologico di base era che le arti e le scienze si basano sull'innovazione nel dominio degli effetti della percezione sensoriale in opposizione alle scoperte dei principi fisici universali generati dalla mente umana creativa. Queste "cose" sono state piuttosto trattate come sottospecie di insetti e fauna analizzate da un biologo anale, per cui è stato possibile modellare descrizioni radicali di modelli basati su statistiche (che a loro volta non erano altro che gli effetti oscuri di principi più profondi), e commentava all'infinito senza alcun pericolo che si facessero più scoperte del principio universale. Il potere della ragione creativa è stato effettivamente tagliato fuori dalle "tecniche" della scienza e dell'arte sotto questo modello, e si è stabilita una nuova cultura di una classe "manageriale" padronale e di una classe di schiavi "popolari", basata esclusivamente sulla fede nella percezione dei sensi effetti.

Lamento per una nazione e il paradosso di Diefenbaker

Nel 1965, i servizi di Grant furono nuovamente acquistati da Massey e finanziati (come la maggior parte delle sue opere) attraverso il Canada Council nella scrittura di un piccolo libro molto influente intitolato "Lament for a Nation: The Defeat of Canadian Nationalism"[22]. Il suo lavoro è stato progettato per creare una linea di ragionamento che avrebbe condizionato il pensiero della classe intellettuale del Canada e polarizzato una cultura giovanile emotivamente terrorizzata per respingere l '"Impero americano" a sud. Ciò che Grant ha ovviamente tralasciato è che furono le reti MI6/Chatham House sia in Canada che in America (di cui era parte integrante) ad aver orchestrato l'assassinio di John F. Kennedy nel 1963 [23] e ad aver riattivato il tendenze imperiali dopo la sua morte, a cominciare dalla guerra in Vietnam. Nella sua edizione del 1970 Grant aggiorna la sua introduzione con le seguenti parole di avvertimento ai canadesi:

“Il problema centrale del nazionalismo nel Canada anglofono è sempre stato: in che modo e per quali ragioni abbiamo il potere e il desiderio di mantenere una certa indipendenza dell'impero americano?... in superficie è sicuramente molto più facile nel 1970 di quanto non fosse nel 1963 per i canadesi per non voler essere inghiottiti dagli Stati Uniti. Gli anni della guerra del Vietnam sono stati un'esposizione dell'impero americano". [24]

Il lavoro di Grant può essere considerato clinicamente delfico, semplicemente a causa delle menzogne ​​consapevoli utilizzate per far avanzare la sua esposizione, come la convinzione che l'attenzione del sistema americano sulla sacralità della libertà individuale e dell'iniziativa personale sia stata direttamente ispirata dai filosofi imperiali britannici John Locke e Adam Smith , o che il sistema americano è intrinsecamente incompatibile con il Bene Comune, anche se la sua stessa costituzione è costruita su tale premessa [25]. Il fulcro dell'intruglio delfico di Grant è il paradosso del "progresso senza cambiamento". Vorrebbe avere entrambi i mondi, attivo e contemplativo. Vorrebbe che il Canada fosse sia americano che britannico. Non può averli entrambi, perché quelle due parole scelte che costituiscono il nucleo della sua ideologia, "attivo" e "contemplativo" sono ombre di due realtà inconciliabili che sono rispettivamente il sistema americano e il sistema imperiale britannico. E i due non possono vivere come uno.

Con queste e simili menzogne ​​sfacciate affermate come verità indiscutibili, Grant ha continuato a creare un'ironia che non è mai esistita davvero in primo luogo: che sia l'America che il Canada, avendo così tante differenze nei costumi e nell'identità, siano stati entrambi nati da pensatori imperiali britannici! Seguendo la sua tesi della Commissione Massey del 1949, Grant basa il suo costrutto logico delfico su un'altra ironia artificiale, ovvero che mentre le origini del Canada sono radicate nel conservatorismo britannico (cioè: incline alla vita contemplata di apprezzare le tradizioni fisse e le cose come sono), l'America è intrinsecamente capitalista, attiva e orientata al progresso. L'unica speranza del Canada per respingere l'impero americano, ha affermato Grant, si trova nel riconquistare le nostre tradizioni conservatrici britanniche dove ha scritto:

“La nostra speranza risiedeva nella convinzione che nella metà settentrionale di questo continente si potesse costruire una comunità che avesse un senso del bene comune e dell'ordine pubblico più forte di quanto fosse possibile sotto l'individualismo del sogno capitalista americano. Le fonti originali di quella speranza nella parte anglofona della nostra società risiedono in alcune tradizioni britanniche che erano state negate durante la rivoluzione americana. Ma il liberalismo americano a cui dovevamo opporci, esso stesso è uscito dalla tradizione britannica: il liberalismo di Locke e Adam Smith". [26]

Così, dopo aver ipotizzato un'incompatibilità incolmabile tra il bene comune e l'ordine pubblico delle tradizioni britanniche e la libertà individuale dell'America, il libro di Grant si dispiega come una serie di errori costruiti l'uno sull'altro. Il lavoro di Grant inizia con una panoramica delfica del fallimento della politica nazionalista canadese dal momento della sua prima creazione sotto John A. Macdonald nel 1879 fino alla caduta del primo ministro conservatore John Diefenbaker nel 1963.

Deplora la caduta di Diefenbaker come il comprovato fallimento del nazionalismo canadese e sostiene che è stato il tentativo di Diefenbaker di conciliare l'inconciliabile promuovendo uno spirito di conservatorismo britannico e antiamericanismo da un lato, mentre promuoveva l'amore per l'individualismo e il progresso dall'altro. Ribadendo la sua "verità" sull'inconciliabilità del mutevole e del non mutevole, e il fallimento di Diefenbaker, Grant scrisse:

“Gli uomini pratici che si definiscono conservatori devono impegnarsi in una scienza che porti alla conquista della natura. Questa scienza produce una società così dinamica che è impossibile conservare qualcosa a lungo. In un tale ambiente, tutte le istituzioni e gli standard cambiano costantemente. I conservatori che cercano di essere pratici affrontano un dilemma. Se non si impegnano in una tecnologia dinamica, non possono sperare di fare appello al pubblico. Se sono così impegnati, non possono sperare di essere conservatori”.   [27]

Questo in effetti è un paradosso anomalo della storia canadese, caratterizzato dall'amore genuino di Diefenbaker per il progresso mentre amava allo stesso tempo la monarchia e le tradizioni conservatrici britanniche in cui era nato. La stridente ammirazione di Diefenbaker sia per Abraham Lincoln che per Franklin Roosevelt si scontra con le sue continue valutazioni della grandezza britannica e fornisce anche una visione chiave del motivo del fallimento nel rapporto tra lui e John F. Kennedy. Il personaggio tragico di Diefenbaker incarna un tipo di personalità così comune nella storia canadese che d'ora in poi può essere chiamato il "paradosso di Diefenbaker". L'unica speranza di Diefenbaker di risolvere il proprio paradosso riguardava la scoperta di un principio radicato nel sistema americano che era assolutamente assente in tutti gli aspetti del sistema britannico [28].

8-c-DiefNell'anno successivo alla pubblicazione di Lament for a Nation, Grant scrisse la sua Philosophy in the Mass Age del 1966 dove riconobbe un'influenza chiave sul suo pensiero quando descrisse il filosofo malvagio Leo Strauss "come la gioia più grande e quella più difficile da raggiungere è qualsiasi movimento della mente (per quanto piccolo) verso l'illuminazione, ritengo un'alta benedizione aver conosciuto il pensiero di quest'uomo” [29]. Il ruolo ormai ben documentato di Strauss come fondatore ideologico del neoconservatorismo come "autorità" sia su Platone che su Aristotele, analizzato attraverso l'occhio perverso di Friedrich Nietzsche, fornisce un'ulteriore visione dell'opera della vita di Grant [30].

È pertinente qui sottolineare che fu l'incapacità di Grant di risolvere il paradosso di Diefenbaker e la sua stessa mentalità oligarchica che lo spinsero lungo il sentiero oscuro di Nietzsche e Strauss. Se la dissonanza cognitiva causata dal fatto che l'umanità si trova in un universo di diritto, e tuttavia in continua evoluzione, non viene risolta da un assioma che distrugge la scoperta del principio, allora la tragica vittima, come il povero George Grant, cadrà invariabilmente su il percorso di Nietzsche, Strauss e Aldous Huxley.

Grant nel 1973: facendo uscire il suo Huxley interiore nietzscheano

In un'intervista ampiamente trasmessa dalla CBC nel 1973 con Ramsey Cook, Grant, l'autoproclamato "filosofo cristiano", ha lanciato la sua fedeltà all'autore di "L'anticristo "... l'esistenzialista che odia Dio Friederich Nietzsche, che Grant ammette con ammirazione ha condiviso la sua credenza nell'incompatibilità del progresso tecnologico e del cambiamento con le credenze tradizionali della verità che erano intrinsecamente immutabili. A tal fine, Grant ha detto:

“Questo è il motivo per cui ammiro così tanto un filosofo che non è molto ammirato nel mondo di lingua inglese, ma che penso fosse un filosofo molto grande: Nietzsche. Penso che l'abbia visto presto con enorme chiarezza: che la scienza moderna è stata una straordinaria conquista teorica e pratica, eppure ha visto quanto fosse mortale per l'uomo". [31]

L'argomentazione sofistica di Grant secondo cui la scienza è un omogeneizzatore della società è stata esposta in modo trasparente nel suo respiro successivo:

“esso [la scienza moderna], vede il mondo interamente come 'oggetto', e il mondo come oggetto è lo stesso un posto come un altro... il punto è che nel cuore della scienza sta evocando le cose per stare davanti a loro, per dare loro RAGIONI, cioè essere OGGETTI per loro e gli oggetti sono gli stessi ovunque! Ora, in questo senso, la società scientifica ha portato all'omogeneizzazione"

8-c-Concede idoli malvagiDopo aver esposto la sua visione del mondo spirituale e politico dell'uomo, e aver assunto che ragione e oggetto siano davvero la stessa cosa, Grant iniziò quindi vertiginosamente a parlare della sua "previsione" del futuro dell '"Impero americano" e del nuova tirannia del suo stato mondiale:

“Penso che una delle cose strane della tirannia moderna sia che non sembrerà spesso molto sgradevole… Bene, lasciate che vi dica quale sarà la tirannia degli Stati Uniti, in una specie di stadio tardo capitalista di stato. Sarà lo stato di salute mentale. Sarà la tirannia dell'organizzazione per la salute mentale.

Cook: Tutto questo suona molto orwelliano. Orwell è un pensatore nel tuo campo?

Grant: Sarei più vicino al vecchio Huxley. Penso che Brave New World sia molto più chiaro... Penso che sarà fatto in un modo molto più fluido, se capisci cosa intendo. Sarai in grado di controllare con la pillola anticoncezionale del giorno dopo e il controllo dell'acqua, quindi dovrai ottenere una licenza per avere figli... Quella di Orwell è troppo violenta. Penso che la violenza sarà molto, molto più fluida".

Certamente, se "ragione" e "oggetto" dovrebbero essere sinonimi, allora la visione imperiale britannica di Grant e del suo "stato mondiale" deve logicamente derivare dalle sue premesse come una necessità ... tuttavia fortunatamente per l'umanità, questa formulazione è tutt'altro che vera . Come ha dimostrato qualsiasi scoperta di principio (che si tratti della scoperta di Keplero delle relazioni armoniche delle orbite planetarie, del principio di ordinamento armonico degli elementi di Mendeleev, o della scoperta di Bach del Ben Temperamento espresso nella sua serie del Clavicembalo ben temperato): tutti i principi fisici universali , e quindi tutte le cause efficienti di progresso,

“La scienza dell'economia politica si basa sull'evidenza conclusiva ed empirica di una differenza fondamentale che distingue la specie umana assolutamente da e al di sopra di tutte le specie animali, come specifica Mosè in Genesi 1:26. Questa differenza cruciale è il potere dell'umanità di aumentare la potenziale densità di popolazione della specie umana nel suo insieme attraverso la generazione volontaria, la trasmissione e l'assimilazione efficiente del progresso scientifico e tecnologico. L'umanità è in grado di aumentare, intenzionalmente, la dimensione massima della popolazione umana che potrebbe essere autosufficiente con il proprio lavoro, per chilometro quadrato medio di superficie, elevando anche il tenore di vita fisico medio. Nessuna specie animale può raggiungere questo obiettivo”.   (32)

Formare un vero nazionalismo canadese

La vera scienza dell'auto-organizzazione umana basata su una comprensione autocosciente dei veri principi che guidano l'evoluzione umana non si basa su una concezione materialistica della scienza priva di spirito, né su una concezione spirituale dell'arte priva di materia. All'età di 91 anni, Lyndon LaRouche ha trascorso una vita facendo rivivere le tradizioni universali d'America incentrate sul concetto rinascimentale dell'autoperfezionamento dell'uomo come fatto a immagine vivente del creatore, e ha stabilito una nuova scienza chiamata Economia fisica. Poiché l'economia fisica è un campo dimostrabile della scienza che avanza sul lavoro di Alexander Hamilton e Henry C. Carey, il sistema americano di economia politica non può più essere definito americano, ma piuttosto universale,

L'impegno per la sopravvivenza continua e di successo dell'umanità in un universo creativo e antientropico è l'unico prerequisito per il nazionalista moderno. Senza un'intenzione che sia in armonia con un rigoroso impegno per la verità scopribile, e l'impegno morale a lottare per applicare quelle verità scoperte per cambiare il sistema in cui l'umanità sta operando per il meglio, e senza fine, allora tutti parlano di nazionalismo e sovranità è solo un guscio vuoto. Si sente qui un'eco di 1 Corinzi 13 :

“Sebbene io parli le lingue degli uomini e degli angeli e non abbia carità, sono diventato come un rame risonante o un cembalo tintinnante.

E sebbene io abbia il dono della profezia e comprenda tutti i misteri e tutta la conoscenza; e sebbene abbia tutta la fede, per poter rimuovere le montagne, e non avere la carità, non sono niente.

E sebbene concedo tutti i miei beni per sfamare i poveri, e sebbene do il mio corpo per essere bruciato, e non ho carità, non mi giova a nulla.

La carità soffre a lungo ed è gentile; la carità non invidia; la carità non si vanta, non si gonfia, non si comporta in modo sconveniente, non cerca il proprio, non si irrita facilmente, non pensa il male; non si rallegra dell'iniquità, ma si rallegra della verità; Sopporta ogni cosa, crede ogni cosa, spera ogni cosa, sopporta ogni cosa.

La carità non viene mai meno: ma se ci sono profezie, falliranno; se ci sono lingue, cesseranno; se c'è conoscenza, svanirà.

Perché in parte sappiamo e in parte profetizziamo.

Ma quando verrà ciò che è perfetto, allora ciò che è in parte sarà abolito.

Da bambino parlavo da bambino, da bambino capivo, da bambino pensavo: ma quando sono diventato uomo, ho messo via le cose infantili.

Per ora vediamo attraverso un vetro, oscuramente; ma poi faccia a faccia: ora lo so in parte; ma allora conoscerò, come anch'io sono conosciuto.

E ora dimora fede, speranza, carità, queste tre; ma la più grande di queste è la carità».

Amiamo abbastanza i nostri figli e il prossimo da lottare per una politica culturale umana che fornisca loro i mezzi per vivere come uomini e donne, invece di bestie avide e paurose? Amiamo la verità più del nostro conforto al punto che lasceremo andare gli assiomi che ci impedivano di sperimentare le gioie di partecipare al processo immortale della trasformazione dell'umanità in una specie matura di azione diretta all'interno e su un universo diretto e in azione ?

Nel suo recente articolo, Sul tema dell'oligarchia , LaRouche ha espresso la sfida all'umanità nei seguenti termini:

"Le due opzioni principali per l'umanità ora possono essere identificate come la scelta tra l'"Oligarchico", da un lato, e ciò che è abbastanza chiamato "il Classico", dall'altro. Il problema da sottolineare è che la prevalenza dell'“Oligarchico”, da un lato, garantirebbe un tasso di distruzione dell'umanità che sarebbe del tipo che è oggi caratterizzato dalla tradizione del sistema oligarchico. In tal caso, l'incubo che il generale degli eserciti Douglas MacArthur aveva affrontato ai suoi tempi, porta a una distruzione generale (e, forse, allo sterminio) della specie umana. Nel caso in cui il “modello oligarchico” venisse sconfitto, l'orrore della guerra termonucleare, o di conseguenze comparabili, sarebbe probabilmente superabile.

Per ribadire il punto appena fatto; quale delle due opzioni prevale tenderà, essenzialmente, a predeterminare il risultato per l'umanità?" [33]

Se scegliamo di accettare la sfida di entrare nelle correnti della storia, non per essere semplicemente commossi, ma piuttosto, per applicare la nostra energia creativa per contribuire con qualcosa di durevole e significativo allo sviluppo immortale della bellezza e dell'evoluzione creativa, allora come possiamo ri -amplificare quelle correnti di pensiero passate, che hanno tenuto al loro interno i semi per un futuro migliore?

Queste sono le domande a cui un vero patriota canadese deve saper rispondere.


Parte 1: Il movimento della tavola rotonda

Parte 2: La perversione di Milner conquista il Canada

Parte 3: Cos'è la Fabian Society e per quale fine è stata creata?

Parte 4: George Grant, Massey e la creazione di un nazionalismo sintetico del Canada

Note:

[1] George Grant, Intervista da CBC's 3 agosto 1973 Impressions with Ramsey Cook, disponibile su CBC Digital Archives http://www.cbc.ca/archives/discover/programs/i/impressions/impressions-of-george- concessione.html

[2] Questa era una politica in cui Kennedy, seguendo il consiglio dell'ex presidente Eisenhower, Douglas MacArthur e del presidente francese Charles de Gaulle, era fermamente contrario a cadere. Prima della sua morte, Kennedy aveva persino commissionato il National Security Action Memorandum 273 per ritirare completamente i restanti "consiglieri militari" statunitensi dal Vietnam.

[3] Robert D. Ainsworth, The End of an Era: Laurier and the Election of 1911 , University of Ottawa, 2009. Ainsworth cita una lettera di Laurier sulla sua cacciata che rivela molto: “Il Canada è ora governato da una giunta che siede a Londra, conosciuta come "The Round Table", con ramificazioni a Toronto, a Winnipeg, nel Victoria, con Tories e Grits che ricevono le loro idee da Londra e le forzano insidiosamente alle rispettive parti".

[4] Alla sua morte, il Credo di Milner fu pubblicato sul London Times del 25 luglio 1925 con le parole:“Se sono anche un imperialista è perché il destino della razza inglese, data la sua posizione insulare e la sua lunga supremazia in mare, è stato quello di mettere radici in diverse parti del mondo. Sono un imperialista e non un piccolo inglese perché sono un patriota razziale britannico ... Lo Stato britannico deve seguire la razza, deve comprenderla, ovunque si stabilisca in numero apprezzabile come comunità indipendente. Se gli sciami costantemente scacciati dall'alveare genitore vengono persi per lo Stato, lo Stato è irrimediabilmente indebolito. Non possiamo permetterci di separarci da così tanto del nostro miglior sangue. Ne abbiamo già separati gran parte, per formare i milioni di un altro Stato separato ma fortunatamente amico. Non possiamo subire una ripetizione del processo” [di perdere l'America una seconda volta – ndr]

[5] Questi giovani, molti dei quali guidarono il Movimento della Tavola Rotonda, e le sue successive trasformazioni come Philip Kerr e Lionel Curtis, erano conosciuti come Milner's Kindergarten. In una lettera datata 11 agosto 1911, Glazebrook scrisse a Milner:

«Ti ho consegnato una lettera di presentazione a un giovane di nome Vincent Massey. Ha circa 23 o 24 anni, molto benestante, pieno di entusiasmo per l'assistenza più preziosa nella Tavola Rotonda e in connessione con i gruppi giovanili... Torna a casa al Balliol, per un biennio di storia, avendo già laureato alla Toronto University. Alla fine dei suoi due anni si aspetta di tornare in Canada e intraprendere una sorta di lavoro serio, sia come professore all'università che in qualche altra attività non redditizia. Mi sono davvero molto affezionato a lui e spero che gli parlerai occasionalmente. Penso che sia così importante entrare in contatto con questi giovani canadesi di prim'ordine e so che potere hai sui giovani uomini. Mi piacerebbe sentire che potrebbe diventare definitivamente per conoscenza un Milnerite”[citato in Roundtable Group di Carrol Quigley in Canada, Canadian Historical Review settembre 1962, p.213]

[6] La Società della Società delle Nazioni fu costituita quando stava diventando sempre più chiaro che il precedente Piano della Tavola Rotonda del 1911-1919 per l'Unione Imperiale era considerato troppo cauto dai patrioti che lottavano per la vera indipendenza dagli intrighi britannici. Sebbene vigorosamente incoraggiati dal presidente razzista anglofilo Woodrow Wilson, la maggior parte dei patrioti americani ha rifiutato la sua logica di governo mondiale e l'abolizione della sovranità. I patrioti canadesi che seguivano la guida americana come Chubby Power, Ernest Lapoint e OD Skelton hanno combattuto valorosamente per garantire che anche la nuova dottrina della Società delle Nazioni sul governo mondiale fallisse.

[7] La ​​Massey Foundation era un fondo filantropico creato da Vincent Massey dopo aver ereditato la proprietà di suo padre, Hart Massey. Questa fondazione è stata modellata sulle fondazioni Rockefeller e Carnegie allora attive nel finanziamento di programmi culturali ed educativi a favore del controllo della popolazione, dell'eugenetica e di altre pratiche favorevoli a una società oligarchica.

[8] Il governatore generale Michener divenne il capo di stato canadese legale, nominato dalla regina Elisabetta II nel 1967 e prestò servizio fino al 1974, periodo durante il quale fu determinante nella creazione della filiale canadese del Malthusian Club di Roma insieme a Pierre Trudeau e alla sua cabala di ingegneri sociali

[9] Per le storie complete, vedere Canadian Patriot #4 e #5 .

[10] Wimperis era anche uno stretto collaboratore di Sir Henry Tizard, presidente del British Defense Research Policy Committee che Naomi Klein aveva esposto per essere stato coinvolto negli incontri del 1951 al Ritz-Carlton Hotel di Montreal con la CIA e il canadese Omand Solandt per "discutere ” lavaggio del cervello. Naomi Kleine, Shock Doctrine: the Rise of Disaster Capitalism , Knopf Canada, 2007, p.33. Solandt ha svolto un ruolo chiave al fianco del senatore Maurice Lamontagne e Pierre Elliot Trudeau nella revisione della politica scientifica canadese negli anni '60.

[10] George Grant, Abbiamo una nazione?, Institute of Public Affairs, Dalhousie University, 8/3, primavera 1945, p.162

[11] L'accordo di libero scambio nordamericano spinto dall'Organizzazione mondiale del commercio, dalla città di Londra e da Wall Street a "omogeneizzare" la società attraverso un vasto abbattimento delle strutture nazionali di regolamentazione e protezione degli affari locali. Catalizzata dall'eliminazione nel 1971 del sistema di Bretton Woods dei tassi di cambio fissi globali, seguita poi da un lento ma coerente movimento verso una maggiore deregolamentazione e un pensiero di mercato, questa tendenza è notevolmente accelerata con la deregolamentazione del "Big Bang" di Margaret Thatcher del 1986 del settore bancario, seguito dal NAFTA, e poi dal Trattato di Maastricht che ha creato l'euro come unione monetaria unica, minando tutta la sovranità nazionale europea. Il successivo grande punto di accelerazione si è verificato con l'eliminazione di Glass-Steagall negli Stati Uniti nel 1999 e la deregolamentazione dei derivati ​​over-the-counter nel 2000.

[12] Lévesque si formò a Lille in Francia e in Belgio con gli stessi domenicani che divennero i maestri dell'esperimento di Uriage che diede vita al Movimento Giovanile Fascista Domenicano: L'Ordre Nouveau. Vedi il libro II di Pierre Beaudry del movimento della sinarchia moderna dell'impero. Scaricabile su  http://amatterofmind.org/Pierres_PDFs/SYNARCHY_I/BOOK_II/2._SYNARCHY_MOVEMENT_OF_EMPIRE_BOOK_II.pdf

[13] Non si tratta di una nuova tecnica oligarchica, ma di una che è documentata fin da Platone che scrisse il suo brillante dialogo su Parmenide per forzare una crisi nella mente del lettore per affrontare questo paradosso del mutevole e del non mutevole. Questo è un paradosso che né Grant, né Massey, né alcun imperialista che concettualizza l'uomo come animale ha mai sperato di risolvere. Fin dai tempi di Babilonia, questa è stata la formula utilizzata per la creazione di culti sintetici con il metodo delfico.

[14] George Grant, Royal Commission Studies: A Selection of Essays Prepared for the Royal Commission on the National Development of the Arts, Letters and Sciences, Ottawa, Edmond Cloutier, Printer to King 1951, p. 119-133

[15] Op cit. P. 124-125 [5-6]

[16] Henry C. Carey, Unity of Law: Relations of the Physical, Mental and Moral Sciences , Philedelphia, 1872, p.8

[17] Op cit. P. 12

[18] Op cit. P. 19, nota: Questa è la tipica distinzione domenicana Tommaso d'Aquino tra “ Viva activa” e “Viva contemplativa”, che era stata la piaga delfica del Medioevo nell'offrire alle persone la scelta tra la contemplazione del monastero e il suo disprezzo per il mondo, e la militarizzazione attiva della popolazione ammutolita per le Crociate

[19] È così che fermare la creatività porta al genocidio. Benvenuti nel fascista Nuovo Ordine Mondiale di ridurre la popolazione mondiale da 7 a 1 miliardo di persone

[20] Questo è un bel paradosso: se combatti per la verità, sei un autoritario; ma se dici che non c'è verità, crei una società fascista di idioti controllata dall'alto

[21] Per la storia completa delle filantropie di Wall Street che finanziano e plasmano l'identità canadese (ironicamente antiamericana) dal 1911 al 1957, vedere Rockefeller, Carnegie and Canada: American Philanthropy and the Arts and Letters in Canada di Jeffrey D. Brison, McGill-Queen's Press, 2005

[22] George Grant, Lament for a Nation: The Defeat of Canadian Nationalism, McClelland and Stewart Ltd., Toronto, 1965, [ 2a stampa con nuova introduzione di Grant 1970]

[23] Vedi il Canadian Patriot #5 per la storia completa

[24] Op Cit, introduzione p. VII

[25] Il Preambolo della Costituzione americana afferma: “ Noi Popolo degli Stati Uniti, per formare un'Unione più perfetta, stabiliamo la Giustizia, assicuriamo la Tranquillità domestica, provvediamo alla difesa comune,promuovere il benessere generale e assicurare a noi stessi e alla nostra posterità le benedizioni della libertà, ordinare e stabilire questa Costituzione per gli Stati Uniti d'America”.

[26] Op. cit. introduzione pag. X

[27] Op Cit. p.66

[28] Per l'intera storia, vedere Diefenbaker and the Sabotage of the Northern Vision dell'autore, pubblicato su The Canadian Patriot #4 , gennaio 2013

[29] George Grant, Philosophy in the Mass Age , University of Toronto Press, 1995 [ 1a stampa 1965], p.122

[30] Si veda The Secret Kingdom of Leo Strauss di Tony Papart, pubblicato nell'Executive Intelligence Review del 18 aprile 2003 scaricabile qui: www.larouchepub.com/pr/site_packages/2003/leo_strauss/3015secret_kingdom_ap_.html

[31] Questa e tutte le seguenti citazioni di Grant sono tratte dall'intervista CBC del 3 agosto 1973, accessibile su CBC Digital Archives:  http://www.cbc.ca/archives/discover/programs/i/impressions/impressions- di-george-grant.html

[32] Lyndon LaRouche, La scienza dell'economia cristiana , Schiller Institute, Washington DC, 1991, p. 221

[33] Lyndon LaRouche, Sul tema dell'oligarchia , Executive Intelligence Review, 26 luglio 2013

Appendice

La necessità anti-creativa di Grant dello Stato mondiale e la frantumazione del Quebec

In Lament for a Nation di George Grant , Grant aveva già iniziato a mostrare la sua adesione alle tecniche di controllo mentale elaborate da Aldous Huxley nel progetto Brave New World for a New World Order quando scrisse:

“Le aspirazioni di progresso hanno reso il Canada superfluo. Lo stato universale e omogeneo è l'apice della lotta politica. “Universale” implica uno stato mondiale, che eliminerebbe la maledizione della guerra tra le nazioni; "omogeneo" significa che tutti gli uomini sarebbero uguali e la guerra tra le classi sarebbe eliminata. Sia le masse che i filosofi hanno convenuto che questa società universale ed egualitaria è l'obiettivo della lotta storica. Dà contenuto alla retorica sia dei comunisti che dei capitalisti. Questo stato sarà raggiunto per mezzo della scienza moderna, una scienza che conduce alla conquista della natura.   [1]

Grant descrive la sua visione del significato di "conquista della natura" nel paragrafo seguente: "Oggi gli scienziati padroneggiano non solo la natura non umana, ma la stessa natura umana. Soprattutto in America, gli scienziati si occupano del controllo dell'eredità, della mente umana e della società. Le loro vittorie in biochimica e psicologia daranno ai politici un potere prodigioso di universalizzare e omogeneizzare” [ 2]

L'idea di Grant della padronanza della natura attraverso le scienze non ha nulla a che fare con l'aumento del potenziale umano come obbliga il sistema americano, ma piuttosto con la “manipolazione dell'eredità, la psicologia e il controllo sociale”. L'idea di Grant ha più a che fare con il dominio degli schiavi da parte dei padroni che con il dominio della natura da parte dell'uomo. Dopo essersi soffermato sui vari ostacoli a questo stato mondiale, Grant affronta il problema della visione cattolica franco-canadese dell'uomo che doveva essere schiacciata in quanto incompatibile con il suo modello utopico:

“I canadesi francesi devono modernizzare il loro sistema educativo se vogliono avere più di un posto di peone nella loro stessa industrializzazione. Eppure modernizzare la loro educazione significa rinunciare alla loro particolarità. Al centro della moderna educazione liberale c'è il desiderio di omogeneizzare il mondo. Le scienze naturali e sociali di oggi sono state consapevolmente prodotte come strumenti verso questo fine… Cosa succede alla visione cattolica dell'uomo, quando ai cattolici viene chiesto di plasmare la società attraverso le nuove scienze della biochimica, della psicologia fisiologica e della sociologia? Queste scienze sono nate da presupposti ostili alla visione cattolica dell'uomo ... Il Quebec si fonderà presto nell'insieme continentale e cesserà di essere una nazione se non nel mantenimento di modelli residui di linguaggio e abitudini personali” [3]

Poiché le "scienze" dell'imperialista che si concentrano sulla psicologia, la biochimica e l'ingegneria sociale sono tutte basate sul rifiuto del concetto di umanità come specie dotata di un'anima e fatta ad immagine del creatore, come si trova nel cuore del cattolicesimo, un'amputazione di questi principi cristiani dalla cultura del Quebec doveva essere intrapresa a partire dalle riforme educative poi applicate dagli scienziati sociali di padre Lévesque dell'Università di Laval incaricati di rivedere il Quebec con la "Rivoluzione tranquilla" del 1960-66. Allo studioso di Rodi Paul Gérin-Lajoie è stato assegnato il ruolo di creare il Ministero dell'Istruzione del Quebec per questo scopo esplicito. L'odierno nazionalismo del Quebec è poco più che la descrizione di Grant di una società le cui identità si trovano semplicemente nella lingua e nelle abitudini personali,

(1) George Grant, Lament for a Nation: The Defeat of Canadian Nationalism, McClelland and Stewart Ltd., Toronto, 1965, [ 2a stampa con nuova introduzione di Grant 1970], p. 53

(2) Op. cit. P. 54

(3) Op. cit. p.79 e 84

1 Commenti

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Link e materiale non pertinente sarà eliminato.

  1. Ciao amici, mi chiamo Dr Vanesse Gregorc di Roma, sono un medico chirurgo professionista, ho 52 anni, per favore leggete attentamente le testimonianze della mia vita reale come ho restaurato il mio vecchio amore entro tre giorni dopo una preghiera di incantesimo d'amore, ho buone intenzioni per condividere la buona notizia qui E so che queste informazioni aiuteranno qualcuno a guarire un cuore spezzato e ripristinare una relazione di amore perduto entro tre giorni. Il mio soggiorno potrebbe essere simile Sono stato sposato con Gregorc per anni ormai il mese scorso ha rotto con me, ho fatto di tutto per farlo tornare ad amarmi, ma tutto ciò che ho fatto è stato vano, volevo tanto che tornasse perché abbiamo avuto due bambini piccoli insieme e lo amo così tanto che non posso senza di lui, gli ho chiesto tutto, l'ho promesso ma ha rifiutato. Ho spiegato il mio problema alla mia collega, è la mia migliore amica e mi ha consigliato di contattare Drigbinovia Incantesimo d'amore che è l'unico che può aiutarmi, ma sono il tipo di persona che non crede mai che l'incantesimo d'amore esista o può funzionare, non ho avuto altra scelta che provare, ho inviato un messaggio doctorigbinovia93@gmail.com Email e whatsapp +12162022709 e viber +12066713285. Drigbinovia mi ha detto che poteva aiutarmi a riavere mio marito, che non dovevo preoccuparmi che tutto sarebbe andato bene prima di tre giorni lavorativi, ho seguito attentamente tutte le sue istruzioni su cosa fare a casa mia durante una preghiera di incantesimo d'amore nel mezzo di la notte. Drigbinovia ha trasmesso un segmento di incantesimo d'amore e sorprendentemente, il secondo giorno era intorno alle 05:00 Mio marito mi ha chiamato Sono rimasto così sorpreso che mio marito si è rifiutato di chiamarmi e non mi ha mandato un messaggio di testo nelle ultime tre settimane, all'improvviso ha chiamato per scusarsi con me e ha detto che sarebbe tornato a casa che gli mancava la sua famiglia, era così eccitato che l'ho accettato di nuovo

    RispondiElimina

Posta un commento

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Link e materiale non pertinente sarà eliminato.

Nuova Vecchia